PALAGIANO – Questa sera evento di gala del Centro Humanae Vitae Apulia

Solidarietà e intrattenimento musicale, momenti di confronto su quella che è la propria mission e l’illustrazione di nuovi progetti, che rendono questi dieci anni di attività solo un trampolino verso nuovi orizzonti.

Saranno questi gli ingredienti giusti della serata di gala in programma per le 20,30 di oggi, presso l’hotel “Cecere” a San Basilio – Mottola, a cura di “Opera Don Bonifacio Azione Verde”. Si tratta di un’organizzazione umanitaria internazionale fondata da Don Bonifacio Duru, sacerdote nigeriano della Diocesi Cattolica di Orlu, in Nigeria. La sua missione è promuovere lo sviluppo umano attraverso l’educazione olistica, l’istruzione e la formazione di bambini e adulti e la realizzazione di programmi socio – sanitari finalizzati a garantire il diritto alla salute e l’inclusione sociale.

La serata di oggi vedrà la partecipazione dei sindaci del versante ionico – occidentale, di Regione e Provincia, oltre che del mondo associativo. Oltre a premiare tutti coloro che si sono distinti per atti di solidarietà nel campo della cultura e solidarietà, dello spettacolo, della sanità, della cittadinanza attiva, dell’inclusione sociale, della fotografia e dell’economia o nel dialogo e nell’accoglienza, Azione Verde traccerà un bilancio dei suoi vent’anni di attività nel mondo, con uno sguardo particolare alla Nigeria (dove attualmente è concentrata la missione) e in Puglia, dove, con una sede operativa a Palagiano, è attiva da dieci anni.

Dieci anni di missione in Puglia, che proseguiranno dando concretezza a un nuovo progetto: il “Centro Humanae Vitae Apulia” in zona Conca D’Oro al servizio del territorio ionico, a poco più di otto chilometri dal Comune di Palagiano, in provincia di Taranto, a circa 700 metri dalla strada statale 106, in posizione davvero strategica per la sua fruibilità.

E’ stato presentato l’altra mattina in Provincia da Rosaria Propato e Domenico Agatiello, rispettivamente presidente e direttore generale di Azione Verde, affiancati da Monica Scarati e Fortuna Propato, coordinatori regionali per la Puglia. Intervenuti anche il presidente della Provincia Giovanni Gugliotti e il sindaco di Palagiano Domiziano Lasigna.

Il centro con tutte le sue strutture servirà per potenziare il sistema dell’inclusione sociale e della cittadinanza globale attiva. L’intento è quello di migliorare il sistema della conoscenza, della comunicazione e della valorizzazione del patrimonio locale in chiave interculturale, di favorire l’inclusione sociale di specifici gruppi marginali. Così, “la missione internazionale si integrerà con quella territoriale, promuovendo la vita umana e mettendola al centro di ogni azione”, come detto da Agatiello, “con l’auspicio – ha aggiunto Rosaria Propato – che le istituzioni, la Regione in primis, rispondano e siano presenti avvallando il nostro progetto, scommettendo sulla nostra scommessa”.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*