Premio “SIRINO IN TRANSUMANZA”, I edizione a cura di “Basilicata a way of living”

Lo chef Diotaiuti: «La transumanza patrimonio Unesco è un giusto riconoscimento»

Tutto pronto per la prima edizione del Premio “Sirino in Transumanza”, la kermesse gastronomica a forte valenza culturale che si svolgerà sabato 18 gennaio 2020 presso il Midi Hotel di Lagonegro, a margine della quale lo chef italo-americano di origini lucane Luigi Diotaiuti, presidente dell’associazione “Basilicata a way of living”, premierà gli ambasciatori del futuro: cinque giovani lucani, individuati tra le ed i migliori allievi delle Scuole Alberghiere della Basilicata che prenderanno parte alla competizione nella cena di gala (Maratea, Potenza, Matera, Pisticci-Marconia e Melfi). Segnatamente, quelli che, a giudizio insindacabile di una giuria di eccezione composta da rinomati chef, giornalisti accreditati e rappresentanti delle istituzioni locali e presieduta dallo stesso Diotaiuti, avranno preparato il piatto più buono, ecosostenibile, ben presentato ed offerto con miglior servizio in sala. La gara culinaria e di servizio di sala itinerante, che sarà replicata nelle altre città sede degli istituti alberghieri negli anni successivi, ha lo scopo di valorizzare l’utilizzo di prodotti biologici a km 0 del Presidio Slow Food, con l’utilizzo moderato di acqua e di materie prime e le migliori tecniche del servizio a tavola. Obiettivi generali del progetto sono la valorizzazione del patrimonio agricolo locale regionale, lo sviluppo delle potenzialità proprie delle zone di appartenenza delle cinque scuole alberghiere e delle competenze degli studenti, perseguiti migliorando la tutela del patrimonio ambientale locale e la sua ottimizzazione, articolando una serie di strategie diversificate volte ad accrescere l’attrattiva turistica delle differenti aree di riferimento mediante l’esaltazione degli aspetti culturali immateriali. Il progetto si inquadra, pertanto, nell’ambito delle azioni di ecoturismo, ossia di un viaggio-percorso responsabile nelle aree naturalistiche, che conserva l’ambiente e migliora il benessere delle popolazioni locali, producendo benefici socioeconomici nel rispetto della valorizzazione territoriale, forte della sinergia tra patrimonio culturale e sviluppo sociale ed economico che si riflette nello slancio volto alla rivalutazione del territorio quale polo turistico. «Risulta importantissimo, dunque, che siano gli studenti delle Scuole Alberghiere i primi a conoscere la storia delle ricette lucane e dei prodotti locali, che rappresentano l’eccellenza delle produzioni agroalimentari, perché saranno loro, in futuro, a stilare i menu e a servire le pietanze, raccontando così un intero territorio», ha dichiarato lo chef Luigi Diotaiuti esplicitando il senso profondo della manifestazione. «Sono soddisfatto per essere riuscito a realizzare questo desiderio che nutrivo da tempo, nonostante lo scetticismo iniziale di molti, rivolto ai giovani che mi stanno davvero a cuore», ha dichiarato lo chef. Che ha aggiunto: «Sono estremamente orgoglioso per la nomina della transumanza a patrimonio dell’Unesco, un riconoscimento che premia anche gli sforzi fatti in passato dalla mia associazione ma che, soprattutto, dà il giusto tributo alle centinaia di allevatori che, anche in Italia, si ostinano ancora con passione a preservare questa pratica nobilissima e millenaria, divenuta persino oggetto di studio alla prestigiosa George Washington University negli Stati Uniti».

 

Il programma della kermesse Premio “Sirino in Transumanza” e tutte le informazioni su regolamento e scopi del progetto sono disponibili sul sito www.basilicatawayofliving.it e sui nostri account social:

www.basilicatawayofliving.it

https://twitter.com/Basilicata_way

https://www.instagram.com/basilicata_way_of_living/ https://www.facebook.com/BasilicataWayOfLiving/

 

Per qualsiasi richiesta o altra informazione è possibile contattare l’amministrazione inviando una mail a info@basilicatawayofliving.it  oppure a ufficiostampa@basilicatawayofliving.it

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*