Lauria (PZ): Sorpreso con attrezzi da scasso e coltelli in macchina. Denunciato dai Carabinieri

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Lagonegro (PZ) hanno deferito in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria un 43enne, residente nel barese, ritenuto responsabile di possesso ingiustificato di grimaldelli e porto abusivo di strumenti atti ad offendere. 

Nel dettaglio, i militari, durante un servizio di controllo del territorio, lungo una delle principali vie del centro abitato della cittadina, avendo notato l’uomo mentre era alla guida della sua autovettura, hanno deciso di seguirlo a breve distanza per accertarne gli spostamenti.

In quel frangente il soggetto ha arrestato la marcia e si è accostato al ciglio stradale, per cui i Carabinieri, insospettitisi, si sono avvicinati per eseguire il controllo.

Da una prima verifica gli operanti hanno appurato come lo stesso annoverasse numerosi precedenti, per reati contro il patrimonio, motivo per il quale gli stessi hanno approfondito ulteriormente gli accertamenti, eseguendo una perquisizione veicolare.

Nel corso di essa, i Carabinieri hanno sorpreso l’uomo in possesso ingiustificato ed illegale di oggetti atti allo scasso nonché alcuni coltelli, quali armi bianche, tenuti all’interno dell’abitacolo, ponendo il tutto sotto sequestro.

All’esito del controllo, i militari hanno denunciato il soggetto all’Autorità Giudiziaria.  

I risultati operativi conseguiti confermano quanto importanti risultino, in chiave preventiva, tali attività d’istituto svolte dalle articolazioni territoriali del Comando Provinciale Carabinieri di Potenza, soprattutto nei centri abitati e a presidio delle principali arterie viarie, di modo da contrastare efficacemente e tempestivamente indebiti propositi di soggetti provenienti anche da altre regioni limitrofe alla Lucania.

In tale ottica si inquadra l’azione quotidiana predisposta dai Carabinieri della Compagnia di Lagonegro per fronteggiare, come nell’area lauriota, episodi del genere. 

      

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*