GRAVINA IN PUGLIA | Polemiche sul Peba: la vicesindaca risponde alle opposizioni

Maria Nicola Matera: «Affermazioni incredibili ed infondate»

«Credo che le polemiche sollevate dalle minoranze attraverso la Quinta Commissione siano non solo infondate, ma oggettivamente incredibili»

Lo dice la vicesindaca Maria Nicola Matera, rispondendo alle critiche lanciate a mezzo stampa nei giorni scorsi dai consiglieri di opposizione in merito all’incontro svoltosi tra l’Amministrazione comunale, il Comitato per l’abolizione delle barriere architettoniche ed i progettisti incaricati della redazione del piano per l’eliminazione delle barriere architettoniche. «Le accuse rivolte dal presidente della Quinta commissione e da alcuni componenti della stessa – commenta la vicesindaca – stupiscono e amareggiano, perché paradossali e per nulla veritiere». Precisa Maria Nicola Matera: «Le recriminazioni hanno ad oggetto un incontro promosso dai progettisti e non dall’Amministrazione comunale. A tale riunione, peraltro, io partecipavo su delega del sindaco. Meraviglia, perciò, la polemica imbastita, che offusca un percorso che dovrebbe essere patrimonio comune». Prosegue la vicesindaca: «L’Amministrazione comunale non ha mai posto in discussione il lavoro delle commissioni consiliari ed il loro ruolo di supporto rispetto all’attività di indirizzo e di controllo politico-amministrativo attribuite al consiglio. Per questo, anche sul Peba e sulle attività prodromi che all’adozione dello stesso, non mancheranno passaggi e confronto con la Commissione competente, le cui prerogative non sono mai state negate né possono considerarsi lese per il disbrigo di un atto di natura prettamente amministrativa ed endoprocedimentale. Nei prossimi giorni avranno luogo altre riunioni con associazioni e, subito dopo, anche con le articolazioni consiliari, ferma restando la disponibilità di ogni assessore ad intervenire in ogni momento in Commissione, come del resto sempre avvenuto sin qui».

Gravina in Puglia, 29 Ottobre 2019

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*