La regione ci aggiorni sulla richiesta di risarcimento danni nei confronti di ENI.

Ci sono molte aspettative sul rinnovo della concessione ad ENI per le estrazioni petrolifere. Sarà un passo cruciale e decisivo per il futuro della nostra regione e di sicuro si dovrà tenere conto del disastro causato a causa dell’ingente sversamento di petrolio emerso nel febbraio 2017.

Per comprendere l’entità e la drammaticità di quanto accaduto a Viggiano basta leggersi la diffida ad ENI che la Regione Basilicata  inviò in data 14 marzo 2017. La fuoriuscita di sostanze dai pozzetti dell’ ASI di Potenza antistanti al COVA è la conseguenza di una serie di situazioni critiche che si trascinavano addirittura dal 2008.

Il 23 aprile 2019 il dott. Francesco Curcio, Procuratore della Repubblica di Potenza, comunicava la chiusura delle indagini a carico di tredici persone (tra cui 5 membri, pubblici ufficiali, facenti parte del CTR, Comitato Tecnico Regionale) e di una persona giuridica, l’ENI S.p.A, per i reati di disastro ambientale, abuso d’ufficio, falso ideologico commesso dal pubblico ufficiale.

Le notizie ufficiali e i dati a disposizioni (alcuni già confermati dalla stessa ENI S.p.A.) ci dicono che in 16 anni sono stati contaminati e compromessi 26mila metri quadri su un’area di 180mila intorno al COVA (Centro Oli Val d’Agri); secondo la Magistratura sono state smaltite irregolarmente oltre 854mila tonnellate di sostanze altamente inquinanti e pericolose. Appaiono quindi palesi ed enormi i danni – patrimoniali e non – arrecati all’ambiente ed al territorio lucano (tra i quali la compromissione del reticolo idrografico della Val d’Agri), con gli immani rischi sanitari correlati.

Ad oggi risulta che la Regione Basilicata ha avviato l’iter per promuovere un’azione legale nei confronti del cane a sei zampe: la delibera 62/2019 autorizza l’ufficio legale regionale ad intraprendere ogni azione utile per ottenere un risarcimento dei danni da parte di ENI e congiuntamente a costituirsi in giudizio nei procedimenti a carico dell’azienda.

Riteniamo fondamentale conoscere quali azioni sono state messe in campo dagli uffici per attuare quanto previsto dalla delibera e di conoscere gli orientamenti del governo regionale in merito al rinnovo della concessione. Questo è il contenuto di un’interrogazione protocollata nei giorni scorsi.

Per mantenere la dignità alta e dare una parvenza di credibilità a questa regione crediamo sia indispensabile non fare alcuno sconto a chi ha maltrattato il nostro territorio. Crediamo che questa sia l’unica via possibile da intraprendere. Le operazioni di greenwashing, come il protocollo firmato qualche giorno fa tra ENI e Coldiretti, non saranno mai sufficienti a farci dimenticare quanto successo in 16 anni di estrazioni petrolifere. Noi siamo lucani, noi non dimentichiamo!

 

Leggi testo interrogazione

 

Gianni Perrino

Portavoce M5S Basilicata – Consiglio Regionale

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*