Udienza sul presunto sversamento di reflui nel Basento, ammessa la costituzione di parte civile dei Comuni di Pisticci e Ferrandina

Udienza preliminare giovedì sul presunto sversamento di reflui speciali nel Basento.  Indagati i vertici di Tecnoparco Valbasento s.p.a., Drop s.r.l. e di Syndial s.p.a. nonché gli allora dirigenti dell’ufficio ambiente della Provincia di Matera, i quali a diverso titolo rispondono di reati ambientali, tra cui il disastro ambientale, per lo sversamento di circa 44.000 tonnellate di reflui speciali a far data dal marzo 2011.  I Comuni di Ferrandina e di Pisticci hanno presentato al  G.U.P., il  dott. Onorati, la  costituzioni di parte civile che il Gup ha ammesso. Il comune  di Pisticci, è rappresentato dall’avvocato Anio D’Angella, mentre il Comune di Ferrandina, è rappresentato dall’avvocato Lorenzo Di Lucca. Anche  numerosi cittadini residenti nel comune di Pisticci, rappresentati dall’ avv. Giandomenico Di Pisa, avv. Rostella Verri, avv. Nicola Cirigliano, avv.Daniele Marzano, hanno presentato costituzione di Parte civile. Di particolare rilievo assume la decisione del Gup di ammettere la costituzione in parte civile, poichè decisione, in è stato  riconosciuto il diritto al risarcimento del danno, oltre che per le amministrazioni comunali, lese nella loro immagine, anche per i singoli cittadini a veder riconosciuto il proprio diritto a vivere in un ambiente salubre ed il conseguente diritto al risarcimento del danno subito. L’udienza  dopo le discussioni del pubblico ministero, dei difensori delle parti civili e di alcuni dei difensori degli imputati, è stata aggiornata al 12 luglio p.v., per completare le discussioni di tutti i difensori degli imputati; inoltre in tale data il Gup dovrà decidere se rinviare o meno gli indagati a processo.

1 Trackback / Pingback

  1. Che cosa intende fare la Regione Basilicata sul rinnovo dell'AIA a Tecnoparco Valbasento?

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*