Cupparo su Delibera fondi ex card carburante

“La prima differenza dalla precedente giunta è che noi non annunciamo i provvedimenti ma li comunichiamo quando sono già esecutivi. Come ho avuto modo di dire all’ex assessore Cifarelli in Consiglio regionale in occasione della risposta all’interrogazione sulla proroga delle attività del Programma Reddito minimo di inserimento e sui Tirocini di inclusione sociale (Tis) bisogna riconoscergli, come anche per la delibera n. 416/2019 relativa ai fondi della ex card carburante (anno 2017), che riesce ad ottenere risultati più dai banchi di opposizione rispetto a quelli di governo regionale”. È quanto afferma l’assessore regionale alle Attività Produttive, Francesco Cupparo per il quale “ci sarà pure più di un motivo per il quale il protocollo di intesa sottoscritto in data 21 dicembre 2018 ed arenato al Mise è stato sbloccato e reso operativo solo il 20 giugno scorso. Ma la questione è talmente seria da evitare la gara alla primogenitura, che Cifarelli ha intrapreso, e per le responsabilità istituzionali che mi competono, intendo spiegare gli interventi rientranti nella dotazione finanziaria complessiva del fondo attribuita alla Regione pari a 19.073.895,25 euro. Pertanto – riferisce l’assessore – la ripartizione della quota a cui aggiungere le economie maturate dall’attuazione dei progetti attivati con i protocolli afferenti al Fondo 2013-2014, pari a 3.511.02,56 euro è la seguente: 10 milioni di euro per l’attuazione di misure di coesione sociale; 9 milioni 74 mila euro circa per l’attuazione di misure di sviluppo economico; 3 milioni 500 mila al fine di incrementare la dotazione finanziaria degli altri progetti. Questo ci consentirà di attivare l’A.P. Piani di Sviluppo Industriale attraverso pacchetti interati di agevolazione (Avviso Mini PIA) per poco meno di 6 milioni di euro; l’Avviso Pubblico Impresa Artigiana Innovativa finalizzato alla costituzione di un fondo per la tutela, lo sviluppo e la valorizzazione delle imprese artigiane per complessivi 3,5 milioni di euro; l’avviso pubblico “piccola distribuzione in marcia verso l’innovazione” finalizzato al rilancio delle attività commerciali dei centri urbani per complessivi 1 milione 140 mila euro; dottorati di ricerca in tecnologie abilitanti “industria 4.0” (esteso alla scuola di specializzazione biennale in archeologia) per 1 milione 50 mila euro ;Assegni di ricerca biennali per lo sviluppo di tecnologie e progetti industriali per l‘economia della decarbonizzazione assegnati presso enti di ricerca e Unibas per 1 milione di euro. Di particolare rilievo inoltre è il contributo per l‘assunzione dei lavoratori fuoriusciti alla mobilità ordinaria e in deroga presso enti pubblici per la tutela del patrimonio forestale pubblico, il contenimento del rischio idrogeologico e la messa in sicurezza dei territori con un fondo di 10 milioni di euro. Abbiamo già dimostrato – afferma Cupparo – la prima differenza dalla precedente Giunta: noi non annunciamo i provvedimenti ma li comunichiamo quando sono già esecutivi senza partecipare alla gara di chi lo fa per primo”.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*