Il valutatore di Europarc Federation in visita nel Parco Nazionale dell’Alta Murgia per la rivalidazione della CETS

Dal 17 al 19 giugno scorsi un valutatore incaricato dalla Federazione Europea dei Parchi, Filippo Belisario, Geologo e Guida ambientale escursionistica specializzata in conservazione della natura e delle aree protette, ha visitato il territorio del Parco Nazionale dell’Alta Murgia per analizzare il percorso di rivalidazione della Carta Europea del Turismo Sostenibile (CETS).

Accompagnato dal Presidente Vicario del Parco Nazionale dell’Alta Murgia Cesareo Troia, dal Direttore Domenico Nicoletti e dai rappresentanti dell’Ente, il valutatore di Europarc ha avuto colloqui con numerosi proponenti delle azioni inserite nel nuovo programma della CETS, in una full immersion nel territorio che ha toccato alcuni dei siti di maggior interesse: la Rocca del Garagnone a Poggiorsini e le Cave di Bauxite a Spinazzola, il Pulo e l’Uomo di Altamura, il bosco di Scoparella a Ruvo di Puglia.

Nella sua ultima giornata, Belisario ha anche analizzato, insieme ai rappresentanti dell’Ente, le dodici azioni proposte dal Parco Nazionale dell’Alta Murgia: “Parco Pulito”, “La Murgia abbraccia Matera”, il progetto “P.A.T.H.”, “L’Officina sostenibile”, “il Festival della Ruralità”, “Il Parco in tasca”, “Tra i Banchi sull’Alta Murgia”, il progetto “PugliA.M.I.C.A. – Vivere nei Parchi”, “E-Venti” del Parco, i bandi “Maratona delle Idee”, “I primi 100” e il concorso per “foto e videomaking”, il corso per Guide Ufficiali del Parco “La formazione dell’accoglienza” e la costituzione del forum permanente per il monitoraggio per un turismo sostenibile.

«Il lavoro degli attuatori e il livello di coesione delle azioni proposte in questa nuova fase, oltre al livello di realizzazione di quelle del quinquennio appena terminato, ha colpito molto positivamente il valutatore sia perché si è constatato il recepimento delle osservazioni contenute nel precedente report di valutazione sia per il desiderio emerso di un territorio di affermare il proprio orgoglio di appartenenza.

Ora non resta che aspettare, entro la fine dell’anno il Parco Nazionale dell’Alta Murgia saprà se riceverà la certificazione anche per il prossimo quinquennio», dichiara il Presidente Vicario del Parco Nazionale dell’Alta Murgia Cesareo Troia.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*