Cgil Cisl Uil s u CMD di Atella e Clinica Luccioni

1 maggio: a Potenza corteo dei sindacati Cgil, Cisl e Uil della Basilicata

Si è svolto oggi “un ulteriore incontro in Prefettura a Potenza relativamente alla vertenza dei lavoratori della Cmd di Atella al fine di trovare una soluzione concreta e percorribile che possa consentire la rioccupazione o l’occupazione di tutti i 79 lavoratori, compresi i fuoriusciti, oggi precari all’interno della Cmd”. Lo annunciano in una nota Cgil, Cisl e Uil, che aggiungono: “Dopo un’ampia discussione finalmente la CMD ha accolto la richiesta sindacale di un meccanismo solidaristico che coinvolga tutta la suddetta platea al fine di rendere esigibile anche il relativo percorso di stabilizzazione di tutte le unità lavorative”. Il tavolo si è aggiornato “al 21 giugno alle ore 9.30 presso Confindustria Basilicata per rendere esigibile ed individuare il giusto meccanismo tecnico che consenta a tutti i lavoratori di poter avere una prospettiva occupazionale”.

“È una vertenza che si trascina da due anni quella dei lavoratori della ex Clinica Luccioni di Potenza, giunti ormai allo stremo, trovandosi senza lavoro e senza alcun sostegno al reddito dopo aver esaurito ogni forma di ammortizzatore sociale”. È quanto affermano in una nota congiunta i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil Basilicata, Angelo Summa, Enrico Gambardella e Carmine Vaccaro. “Una vertenza paradossale – continuano – che, in assenza di una crisi aziendale, si trascina solo ed esclusivamente per la mancanza di scelte chiare da parte del governo regionale sulla sorte dei 60 posti letto da assegnare alla ex Clinica Luccioni. Una vertenza per la quale esiste già la soluzione, visto che per i 60 posti letto prima gestiti dalla Clinica, una compagine imprenditoriale ha richiesto il cosiddetto parere di compatibilità ai sensi della legge regionale (LR 28/2000) che disciplina il sistema autorizzatorio delle strutture sanitarie pubbliche e private accreditate. Il governo regionale – riprendono i segretari generali – ha il dovere di dire con chiarezza i motivi per i quali non procede al completamento dell’iter di assegnazione dei posti letto, se la procedura seguita dal precedente governo regionale è legittima o meno sul piano formale oppure se le ragioni sono altre. Non comprendiamo perché si continui a mettere in dubbio una procedura già istruita e avallata da diversi pareri dell’avvocatura regionale e per la quale manca la sola delibera di approvazione della Giunta, aprendo invece a pseudo imprenditori che – per quanto ci risulta – millantano istanze mai formalmente pervenute agli uffici regionali. Le istituzioni regionali devono operare in piena trasparenza e nel rispetto delle norme che regolano tale materia e nell’esclusivo interesse generale. Chiediamo al presidente della Regione Basilicata Vito Bardi – concludono Summa, Gambardella e Vaccaro – di convocare con urgenza un incontro con le organizzazioni sindacali dando un segnale di chiarezza ai lavoratori coinvolti”.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*