Il presidente della Regione, Bardi incontra il Consiglio generale di Confindustria Basilicata

POTENZA, 3 giugno 2019 – Reciproca disponibilità alla concertazione, nella piena consapevolezza della strategicità delle ragioni delle imprese per la crescita della regione. E’ quanto emerso questa mattina a margine della visita del presidente della Regione, Vito Bardi, a Confindustria Basilicata, dove, il governatore ha incontrato i componenti del Consiglio generale.

Dopo un ricco confronto sulle priorità e le proposte condivise dal mondo dell’impresa, illustrate nella relazione del presidente di Confindustria Basilicata, Pasquale Lorusso e sui punti programmatici esposti dal governatore Bardi, è stata ribadita la piena volontà alla collaborazione su tutti i principali temi attenenti allo sviluppo della regione. Infrastrutture, programmazione dei fondi comunitari, lavoro, efficientamento della macchina amministrativa, competitività del territorio: sono alcuni dei temi rispetto ai quali è stata trovata larga convergenza e sui cui verrà aperto il confronto già a partire dalle prossime settimane.

 “Consideriamo questo incontro – ha dichiarato il presidente di Confindustria Basilicata, Pasquale Lorusso – come il primo step di un dialogo costante che intendiamo instaurare con l’esecutivo regionale per lavorare agli obiettivi comuni di crescita del territorio e il superamento di quei deficit di competitività che ancora oggi rendono il fare impresa in Basilicata più difficile che altrove”.

“Sono particolarmente felice di essere qui, oggi – ha aggiunto il governatore Bardi – perché credo che solo stando insieme si possa vincere la sfida del cambiamento che la nostra regione deve saper cogliere. La Lucania cresce se crescono le sue imprese: ne sono fermamente convinto e questo assunto trova ampia conferma nel mio programma di governo. Mi appello dunque anche all’impresa affinché faccia responsabilmente la propria parte per contribuire al nuovo corso auspicato”.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*