Associazioni Infrastrutture Matera e Provincia, lettera aperta al Consiglio Regionale

Riceviamo e pubblichiamo la lettera al Presidente della Regione Basilicata, Assessori,
Consiglieri tutti, dell’ Associazioni Infrastrutture Matera e Provincia,  sulla relazione programmatica presentata dal Presidente Bardi in Consiglio regionale.

“Ci rivolgiamo a lei Presidente e all’assessore infrastrutture, dopo aver ascoltato la sua relazione programmatica che mette al primo posto le problematiche legate alle infrastrutture della Regione Basilicata  premiamo sottolineare alcune dimenticanze al fine di togliere dall’isolamento Matera ed il suo Hinterland. Lei ha parlato del collegamento e raddoppio della Potenza-Tolve-Altamura-Bari,(
considerando di primaria importanza strategica), dimenticando che già esiste un tracciato simile, e segnatamente la Potenza-Ss.407 Basentana- Ss 7 Appia Matera Ferrandina-Matera- Altamura-Bari e per interconnessione Matera A14 Gioia del Colle. Ribadiamo che il raddoppio della S.S.7 Appia Matera – Ferrandina è il naturale raccordo, già esistente, che collega la direttrice Potenza – a Bari Ss 96-99 e viceversa, quindi perché e per quale motivo pensare ad un nuovo tracciato che da Potenza vada ad Altamura e non passi da Matera, e invece in modo tortuoso colleghi Tolve a Gravina ed
Altamura. Avallando il tracciato Potenza Altamura, ci troveremo nella contraddizione per Matera e la sua privincia di uscire dalla propria regione in direzione Altamura per poi ritornare in direzione Tolve per raggiungere Potenza. Senza considerare la Bradanica opera incompiuta, e minimamente non considerata nella sua minuziosa relazione, oltre alla nostra S.s.7. La Ss.7 è un arteria che consentirebbe oltre al rapido collegamento tra i capoluoghi, un potenziamento infrastrutturale che collegherebbe l’ Autostrada Gioia del Colle A14 all’Autostrada A3 altezza Lauria, con il collegamento tra l’asse adriatico a quello tirrenico ricomprendendo in questo Matera e Potenza, attraverso la ss 407 Basentana, tutto il Salento e la murgia pugliese al Pollino, ed ai tesori storici del
Potentino. Quello per cui le nostre associazioni ci stiamo battendo è anche la sua messa in sicurezza per garantire i requisiti minimi di sicurezza, la conta dei morti sta diventando un vero bollettino di guerra. Credo infatti, e lei uomo dello stato possa convenire con noi, che un
istituzione pubblica debba in primis garantire la sicurezza dei cittadini, e la loro mobilità.
La esortiamo a prendere in sintonia con l’assessore alle Infrastrutture, tutte le misure necessarie in tutte le sedi nazionali e sollecitando l’Anas affinché il progetto del raddoppio della S.S. 7 Appia Matera Ferrandina diventi esecutivo nel più breve tempo possibile.”
Con osservanza Associazioni Infrastrutture Matera e Provincia.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*