Ad “Amabili confini” Mary B. Tolusso

Amabili Confini, nel secondo appuntamento con Mary B. Tolusso, ha continuato il suo viaggio alla scoperta di nuovi “Orizzonti”, attraverso la lettura condivisa di racconti e versi di chi scrittore non è. Sono state le voci “Fuori zona”, quelle cioè che portano storie da altri luoghi della Basilicata e da altre Regioni italiane, ad unirsi a quella di Mary B. Tolusso. Ed ecco che “L’esercizio del distacco” da titolo del romanzo della scrittrice si fa esperienza diretta per i presenti agli incontri di Matera e Montescaglioso.

Nella serata di giovedì, la sala Laura Battista della Biblioteca Stigliani è stato il nido accogliente dell’incontro: un’ottima alternativa al salotto all’aperto previsto in piazza San Francesco. La delicatezza dei versi di Bruna Latronico, autrice della poesia “La linea del mare”, scelta da Matera Poesia 1995 insieme ad Amabili Confini, e la grazia del racconto “L’orizzonte infinito”, scritto a quattro mani da Sonia Cristallo e Alessia Marcosano, per il progetto Alternanza scuola/lavoro, meritavano un ascolto attento e non disturbato dai capricci del meteo. A fare da fil rouge alla serata, accanto agli spunti offerti da Maria Rosaria Salvatore, coordinatrice degli incontri di quartiere, le letture scelte di Genoveffa Capuzzi, “voce narrante” di Amabili Confini 2019. Mary B. Tolusso, a suo perfetto agio in mezzo alle storie degli altri, nel dialogo con i docenti Antonella Radogna e Francesco Farella, è andata dritto al cuore del suo romanzo, tratteggiando sapientemente la fatica de “L’esercizio del distacco”. Fecondo di spunti e riflessioni originali è stato anche l’incontro di venerdì mattina , al Liceo artistico di Matera, in cui a dialogare con Mary B. Tolusso, coordinati dalle docenti Antonella Radogna e Maria Venezia, sono stati gli studenti Apollonia Tortorelli (IV A), Donatella Sardone (IV A), Bianca Murante (IV B), Donatella Stagno (IV B).

E buona la “prima” di Amabili Confini nell’Abbazia di San Michele Arcangelo a Montescaglioso, dove, venerdì pomeriggio, dopo l’introduzione di Luciano Antezza dell’associazione KonArte, a dialogare con Mary B. Tolusso, insieme allo scrittore Federico Scialpi, sono state Anna Pia Scaramuzzo, Adriana Miccolis e Martina Langerano, giovanissime autrici dei racconti e delle poesie selezionate dal team.

Il prossimo appuntamento di Amabili Confini, il progetto di rigenerazione urbana ideato da Francesco Mongiello, è con Paolo Giordano, il 30 maggio a Serra Venerdì a Matera e il 31 maggio all’Abbazia di San Michele Arcangelo a Montescaglioso.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*