Marcia Cultura: Giovani, scuola e lavora, da Matera all’Ue a all’Onu

“Si è tenuta ieri a Matera, tra l’entusiasmo incontenibile di 2000 giovani, la Marcia d’Amore per la Cultura.” È quanto si legge in una nota degli organizzatori diffusa da Tomangelo Cappelli Direzione Generale Presidenza della Giunta Regionale. “Iniziata a Potenza il 20 novembre la Marcia – prosegue la nota – sta attraversando come un fiume in piena, i Comuni Lucani, grazie ad alla partecipazione straordinaria dei giovani e alla capacità delle scuole di ogni ordine e grado che, in nome della cultura e per far conoscere le bellezze dei 131 paesi/presepi lucani, hanno saputo coinvolgere associazioni e pro loco, enti e amministrazioni locali, genitori, famiglie e gente comune. E Matera, ieri, ha fatto la sua grandissima parte regalando uno spettacolo da brividi ricco di emozioni che ha visto protagonisti, grazie all’amorevole sostegno di dirigenti e insegnanti di tutte le scuole della Città. Molte le rappresentanze regionali: i meravigliosi Tamburini di Stigliano, i portentosi Campanacci della Pro Loco San Mauro Forte i brillanti musicisti di tradizione del Liceo Musicale di Matera hanno assicurato un ritmo portentoso, imprimendo all’intero corteo una festosa aura di gioia. Presenti anche l’Istituto Comprensivo di Lauria e, idealmente, i 131 alunni della Scuola di Ripacandida che hanno fornito i 131 cartoncini rossi a forma di cuore, che hanno aperto la Marcia, con il disegno degli stemmi e dei nomi dei 131 comuni lucani rappresentandoli tutti nella comunione simbolica di tutta la Basilicata”. All’evento di Matera hanno partecipato l’assessora Antonicelli del Comune di Matera, Burgi della Fondazione Matera-Basilicata 2019, Vincenzo Duni e Mario Coviello, Presidenti UNICEF, rispettivamente dei Comitati provinciali di Matera e Potenza, Else di Eles Belfontali  presidente Federazione Nazionale Suonatori di Campane,  Pasquale Cariello il più giovane Consigliere Regionale di basilicata, i Garanti regionali dell’infanzia e dell’adolescenza Giuliano della Basilicata, Marziale della Calabria,  Marzetti Lazio, Pagani ella Lombardia, Abbaticchio della Puglia, Pagani della Lombardia, Nobili delle Marche Mirella Gallinaro Veneto. “La Marcia d’Amore per la Cultura di Matera – ha concluso Tomangelo Cappelli – ha assunto  un profondo valore simbolico finalizzato ad esaltare e promuovere proprio il significato fondamentale della CULTURA, proprio nella Città designata Capitale Europea della CULTURA. Infatti con la sottoscrizione dell’Intesa ‘Giovani Scuola Lavoro’ da parte dei Garanti dell’Infanzia, UNICEF, Comune di Matera e Fondazione Matera-Basilicata 2019 i firmatari si impegnano a  far inserire tra le priorità assolute, l’attuazione dell’Accordo di Programma ‘Basilicata in Marcia per la Cultura’, nelle rispettive Programmazioni della Regione Basilicata attraverso, del Governo Italiano attraverso i Garanti dell’Infanzia delle Regioni, dell’Unione Europea attraverso il Comune di Matera capitale Europea della cultura e la Fondazione Matera-Basilicata, dell’ONU attraverso Francesco Samengo presidente UNICEF Italia per promuovere il rispetto dei diritti umani, dell’infanzia e dell’adolescenza, delle libertà fondamentali a vantaggio di tutti gli individui del Mondo. Encomiabile l’apporto dei Vigili Urbani coordinati dal Tenente Orazio Falcone, della Questura di Matera, dell’A.E.O.P.C. Italia. Associazione Operatori Protezione Civile E Ambientale – Matera diretta da Emilio Sacco e del CISOM Corpo Italiano Soccorso dell’Ordine di Malta diretti da capogruppo Salvatore Pellegrini  che hanno vigilato sul buon andamento della marcia che si è conclusa alle 12 con ‘VOX DEI: il Concerto di Campanili più grande del mondo’, l’evento che vha fatto  suonare all’unisono i campanili dei comuni della Basilicata, delle Comunità dei Lucani all’Estero, con la partecipazione straordinaria degli 8000 campanari iscritti alla Federazione Nazionale dei Campanari Italiani e del Sacro Convento di San Francesco di Assisi che, riconoscendo all’iniziativa un grande valore simbolico ed educativo, ha inviato una Benedizione per partecipanti e organizzatori, facendo suonare anche le campane d’Assisi”.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*