Conversano: Litiga con la compagna per problemi economici e tenta di uccidere il figlio neonato. Arrestato dai Carabinieri

I Carabinieri della Compagnia di Monopoli (BA) sono intervenuti in Conversano dove un uomo stava tentando di uccidere il proprio figlio neonato, riuscendo a salvare il bimbo ed ad evitare una tragedia.

I fatti risalgono alla scorsa sera quando tale C.D., 40 enne, originario di Bari e con piccoli precedenti nel settore delle scommesse clandestine e nel gioco di azzardo, aveva avuto l’ennesima lite con la compagna convivente, una cittadina marocchina di 33 anni, durante la quale l’aveva insultata e picchiata. A scatenare l’ira dell’uomo problemi economici ed il rischio dello sfratto a fine mese.

E’ stato proprio nel corso della lite che l’uomo si è scagliato contro il loro figlio di quattro mesi e, con un coltello da cucina in mano, lo ha afferrato e lo ha portato via, incurante delle urla disperate della madre che invano ha tentato di fermarlo. Giunto in strada l’uomo ha iniziato a minacciare di uccidere il neonato. E’ stato così che diversi passanti, temendo una tragedia, hanno chiesto  aiuto al 112.

La pattuglia dei Carabinieri, giunta sul posto ha tentato di calmare il 40enne senza riuscirvi, tanto che quest’ultimo stringeva il gomito al collo del minore con l’evidente rischio di soffocarlo.  Solo l’intervento deciso dei Carabinieri ha evitato il peggio. Infatti, mentre uno dei militari lo ha disarmato, l’altro è riuscito a liberare il piccolo dalla morsa, poi con l’arrivo dei rinforzi il 40enne è stato così arrestato con l’accusa di tentato omicidio, resistenza a pubblico ufficiale e porto di oggetti atti ad offendere, venendo ristretto, su ordine dell’A.G., presso la Casa Circondariale di Bari. La donna ed il neonato venivano soccorsi e ricoverati presso il Policlinico di Bari, fortunatamente non in pericolo di vita.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*