Un giovane di Pisticci nello staff giornalistico   dell’ Osservatore Romano

Un  giovane  pisticcese  nello staff giornalistico   dell’ Osservatore Romano, il quotidiano  ufficiale della Santa Sede. Si tratta di  Marco Grieco nato nel 1987, che, come tanti  giovani venuti alla luce alla soglia degli anni 90, ha lasciato la nostra città dopo la maturità. “La scelta di  partire – ci ha spiegato – è germogliata tra i banchi del Liceo Classico. In maniera implicita, hanno influito le  lezioni della Prof. Vittoria Scazzarriello: il suo sguardo incisivo su tutti gli uomini di cultura che dal Duecento hanno girato il vecchio continente,  ha seminato in me il germe della inquietitudine . Mi sono sentito lucano anche in questo peregrinare, empaticamente legato alla poetessa Isabella Morra, per esempio, lacerata dal desiderio  di libertà e la costrizione di una prigionia imposta”. Marco Grieco si è laureato in Archeologia Classica all’Università di Pavia – dove attualmente ha la sua residenza – e dove ha iniziato i primi passi nel mondo del lavoro. Per la vicinanza a Milano,  le sue esperienze lavorative si sono concentrate nella città meneghina, prima nel settore amministrativo e poi in un ufficio stampa, fianco a fianco con Paola Greggio, sorella del celebre comico Ezio. Questo lavo gli ha permesso di entrare in contatto con l’ambiente   editorale milanese, sia nell’ambito televisivo che in quello della moda. Ha svolto un periodo di stage negli Stati Uniti, a Washington D.C. dove è stato ammesso nel reparto di didattica e comunicazione musicale dell’Air And Space Museum di Washington, il museo dello spazio  e aviazione americana, che gli ha dato la opportunità di sviluppare la “versatilità”, requisito essenziale dell’era digitale. Ritornando in Italia ha lavorato ai musei Vaticani occupandosi in particolare all’allestimento di una importante mostra sui ritratti pontifici. Solo da pochi giorni ha iniziato la collaborazione   al giornale ufficiale della Santa Sede, l’Osservatore Romano, con un interessante e attuale servizio sui “ Droni salva Africa”, l’uso dei velivoli senza pilota per raggiungere le zone più impervie. Lo scorso 16 maggio la pubblicazione del secondo articolo dal titolo “ Il viaggio di capo Raoni per difendere l’Amazzonia”. Un  interessante servizio sul capo indigeno in missione in Europa per denunciare la deforestazione e lo sfruttamento indiscriminato. Marco Grieco, per la cronaca, è fratello di Andrea, il giovane ricercatore che dal 21 marzo al 6 aprile, aveva partecipato al focus internazionale sui cambiamenti climatici, High North Dialogue, che si è svolto ina Boda in Norvegia, dove  ha portato il suo autorevole contributo come giovane studioso italiano di sviluppo sostenibile e geopolitica artica. MICHELE SELVAGGI

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*