Autolinee Liscio: I dipendenti scrivono alle autorità competenti per chiedere il pagamento degli stipendi

Riceviamo e pubblichiamo il documento inviato dai dipendenti della Ditta Autolinee Liscio di Potenza inoltrato al Presidente della Regione Basilicata, ai Prefetti di Potenza e Matera, alla commissione di garanzia per l’attuazione della legge sullo sciopero nei servizi pubblici essenziali, all’ Osservatorio sui conflitti sindacali nel settore trasporti, alla direzione territoriale del lavoro di Basilicata, all’Assemblea dei soci delle Autolinee Liscio, per chiedere il pagamento delle mensilità arretrate Autolinee Liscio.

“I sottoscritti dipendenti della Ditta Autolinee Liscio di Potenza, premesso – che ormai da quasi quattro anni non vengono puntualmente erogati gli stipendi, tanto da giungere ad oggi alla mancata corresponsione delle mensilità di febbraio, marzo, a breve di aprile, della tredicesima 2018, dei premi di risultato per gli anni 2016, 2017, 2018 ; – che detta situazione, portata già all’ attenzione delle Autorità competenti, sta continuando a creare enorme disagio ai Lavoratori ed alle loro famiglie, ormai in preda a serie difficoltà economiche; – che i Lavoratori, al fine di ottenere le proprie spettanze, hanno posto in essere in passato ogni forma di protesta per sensibilizzare quanti leggono, arrivando ad astenersi dal lavoro nei giorni dal 6 al 10 ottobre 2017 a causa del mancato pagamento degli stipendi relativi alle mensilità di luglio, agosto e settembre 2017, nonché costituendo di un presidio permanente dinanzi l’ingresso della sede della Società; – che a seguito di comunicazione del 10 ottobre 2017 da parte dell’azienda Liscio di liquidare entro il 18 ottobre 2017, le mensilità di luglio ed agosto ed entro fine ottobre la mensilità di settembre, detta forma di protesta è rientrata; – che a gennaio 2018 l’azienda informava i lavoratori che grazie ad una transazione in atto da tempo con la Regione Basilicata per degli oneri non corrisposti (anni dal 1992/1998), l’arrivo di queste risorse economiche, quasi sicuramente entro giugno 2018, avrebbe risolto la questione dei ritardati/mancati pagamenti;
considerato – che ad oggi, nonostante sia stato firmato l’impegno di spesa dall’ente competente e la transazione da parte di tutte le aziende aderenti, non risultano ancora liquidate le mensilità di febbraio, marzo, tredicesima e premi di risultato 2016, 2017 e 2018; – che i Lavoratori e le loro famiglie sono fortemente preoccupati per tale incresciosa situazione, che continua a protrarsi, nonostante abbiano dato ulteriore fiducia all’azienda nelle more di quanto promesso, nonché della impossibilità di continuare a far fronte agli impegni assunti ad esempio con le Banche;
– che i Lavoratori pur consci delle difficoltà aziendali derivanti dalla ritardata erogazione dei fondi regionali, non sono più disponibili a finanziare, le incapacità finanziarie aziendali, soprattutto dopo la sottoscrizione dell’atto transattivo dei saldi pregressi, che consentirà all’azienda di rimpinguare le casse che per troppo tempo si sono rette con il mancato salario ai lavoratori; – che le somme rivenienti dalla predetta transazione devono necessariamente essere investite in azienda, al fine di risolvere l’annosa questione delle mensilità pregresse non corrisposte e a garantire la puntualità dei pagamenti futuri; – che i Lavoratori non sono più disposti a tollerare ulteriori ritardi;

TANTO PREMESSO
invitano e diffidano la Società Autolinee Liscio S.r.l. con sede a Potenza in Via Della Tecnica n. 7, in persona dell’amministratore delegato dr. Adolfo Caldarelli, a porre rimedio a tale inadempimento, provvedendo senza indugio al pagamento immediato degli emolumenti arretrati e non corrisposti.
In caso di mancato riscontro, i Lavoratori loro malgrado, si troveranno costretti a porre in essere ogni opportuna azione volta a tutelare i propri diritti, fra cui la proclamazione dello stato di agitazione e sciopero.
Si confida in un celere intervento di quanti in indirizzo, volto a risolvere bonariamente tale incresciosa vicenda.”

I dipendenti Autolinee Liscio

1 Trackback / Pingback

  1. Ancora ritardi nel pagamento degli stipendi ai lavoratori CoTraB: nella prossima gara si prevedano clausole per evitare tutto questo.

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*