9 maggio 1978, una data che cambio’ l’Italia

“Quando si dice sempre la verità non bisogna dolersi di averla detta. La verità è sempre illuminante, ci aiuta ad essere coraggiosi.” (Aldo Moro)
Una verità però quella sulla morte di Aldo Moro ancora oggi non è venuta completamente alla luce. Il 9 maggio 1978 il corpo del presidente della Democrazia cristiana viene ritrovato, dopo 55 giorni dal suo rapimento, nel bagagliaio di una Renault 4 rossa abbandonata in via Caetani. Una vicenda che sconvolse l’Italia intera e che ancora oggi è una ferita aperta.
Aldo Moro è diventato in questi 41 anni un simbolo, un simbolo di onestà e di legalità. Come lo è Peppino Impastato che con Aldo Moro condivide purtroppo la stessa sorte nella medesima data. Ad ucciderli le Brigate rosse e la mafia, ma a dare il comando l’omertà e l’illegalità. Ed oggi dopo 41 anni siamo ancora qui a combattere questi due grandi mali.
Lo dobbiamo a chi ha dato la vita per combattere questo cancro della società, lo dobbiamo ai nostri figli affinchè possano vivere in una società libera e onesta.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*