Regionali: Basilicata al voto

Si è chiusa venerdì sera con i comizi finali la campagna elettorale per le regionali in Basilicata. Domenica 24 Marzo, sono chiamati alle urne  573.970  elettori che per eleggere il nuovo Presidente e i 20 componenti del consiglio regionale,  13 per la provincia di Potenza e 7 per quella di Matera. Le elezioni di domenica, “inaugurano” la nuova legge elettorale, varata lo scorso Agosto seconda la quale si può votare con la doppia preferenza a patto che questa indichi un candidato di sesso maschile e uno di sesso femminile, componenti del  medesimo schieramento, per i meccanismi della parità di genere e delle quote rosa nelle liste. Se così non sarà la seconda preferenza verrà annullata. Non si potrà fare il voto disgiunto ed è stato eliminato il cosidetto “listino”. Cambia anche il premio di maggioranza che sarà progressivo: 11 consiglieri con il 30%, fino a un massimo di 14 consiglieri.
Per il resto si tratta di un sistema di voto proporzionale, con i consiglieri che verranno eletti tra le liste delle due circoscrizioni provinciali di Potenza e Matera. con la soglia di sbarramento fissata al 3%. Si vota nella sola giornata di domenica  dalle ore 7.00 alle 23.00. Lo spoglio inizierà subito dopo la chiusura dei seggi. Quattro i candidati presidente: Carlo Trerotola, sostenuto da una coalizione di centrosinistra composta da 7 liste; Vito Bardi, per la coalizione di centrodestra con 5 liste; Antonio Mattia, unica lista a sostegno, quella del Movimento 5 stelle e Valerio Tramutoli, singola lista “Basilicata possibile”. L’elettore, munito di carta di identità e di tessera elettorale,  può esprimere il suo voto, facendo un segno sul nome di un candidato presidente o facendo un segno sul nome di una delle liste. Nel primo caso, il voto non si trasmette a nessuna lista nel secondo il voto viene trasferito al candidato presidente che quella lista sostiene. Non è previsto nessun ballottaggio. Sarà eletto il candidato presidente che riceve più voti. Il presidente eletto sarà anche consigliere. Sarà automaticamente eletto consigliere anche il secondo candidato presidente più votato.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*