CHIUSA LA VECCHIA PROVINCIALE PER VALBASENTO PER VORAGINE LUNGO LA STESSA

PISTICCI. Dalla tarda mattinata è chiusa la vecchia strada provinciale che dalla località Macello alla pariferia nord dell’abitato pisticcese, si collega all’arteria in uscita dalla galleria San Rocco. A quanto è dato sapere, il provvedimento si è reso necessario dopo che era stata segnalata la presenza di una voragine su uno dei tornanti e lungo la carreggiata in corrispondenza del sottostante tunnel, precisamente. in località Ciampa di Cavallo. L’Amministrazione Provinciale di Matera, attraverso i suoi tecnici e cantonieri si era resa subito conto di quanto stava succedendo lungo la vecchia e antichissima provinciale, provvedendo ad emettere con urgenza, regolare ordinanza di sbarramento del tratto interessato, attraverso la posa in opera di blocchetti di calcestruzzo per impedire il transito. Per la verità, da qualche tempo la strada, attese le precarie condizioni statiche per mancanza di manutenzione lungo i circa quattro chilometri del tracciato, era aperta al traffico solamente per permettere ai numerosi frontisti di raggiungere i fondi di lorio proprietà. Cosa che da ieri non è più permessa imboccando la strada dalla parte bassa del tracciato, che inizia proprio in prossimità della galleria San Rocco. Al momento non è ipotizzabile quanto questa nuova emergenza possa durare; è chiaro però che la stessa Amministrazione Provinciale , si preoccuperà di mettere in sicurezza la parte interessata e limitare al massimo il disagio, magari, se fosse possibile naturalmente, provvedere una volta per tutte, ad intervenire per una manutenzione appropriata lungo tutto il tratto, atteso che lo stesso è di vitale importanza per l’abitato di Pisticci che, in caso di forzata chiusura del tunnel rimarrebbe praticamente isolato per raggiungere non solo la zona di Pozzitelli, ma soprattutto la Val Cavone, la Valbasento e la Basentana.

MICHELE SELVAGGI

Questo slideshow richiede JavaScript.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*