SANREMO 2019: SECONDA GIORNATA DI CONFERENZE STAMPA CON GLI ARTISTI

DIVERSI E MOLTO PROFONDI GLI ARGOMENTI TRATTATI

Seconda giornata intensa e piena di conferenze stampa. Qui da Sanremo fervono i preparativi per la terza serata del festival. Vari gli artisti che si sono presentati nella sala stampa “Lucio Dalla”.

La giornata è iniziata con Motta, ha spiegato che per lui l’orchestra è importante in questo festival, quasi necessaria. Si ispira molto alle canzoni di Luigi Tenco che sono piene di speranza, ama anche Lucio Dalla, Dè Andrè. “Dove è l’Italia”, la sua canzone, bisogna “cantarla a tutti”: non sa bene dov’è l’Italia, ma lui comunque vuole esserci. La sua rivoluzione? L’educazione sociale.

Achille Lauro criticato per la sua venuta al Festival, è stato molto apprezzato dalla sala stampa. Quello che canta è un rock and roll in chiave moderna, non si sente fuori posto, il brano è adatto a tutti, nonostante sia considerato un brano di rottura con tutto il resto. Vorrebbe diventare come gli Oasis.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Gli Zen Circus arrivano a Sanremo per concludere un ciclo di avvenimenti importanti dopo 20 anni di carriera. Tutto il gruppo si è evoluto, come si è evoluto tutto il Festival di Sanremo, bisogna contaminarsi con altri generi, abbastanza diversi tra loro, altrimenti si resta chiusi.

Paola Turci molto apprezzata dalla sala stampa, spiega un po’ il senso della sua canzone, (avere sempre la sicurezza di poter trovare qualcuno su cui contare, cadere insieme, in due ci si conforta sempre). Il primo verso della canzone fa pensare a suo padre, si è innamorata della musica grazie a sua madre Due anni fa arrivò al Festival con una nuova consapevolezza, questa esperienza è molto impegnativa. Ha voglia di vivere, di correre rischi perché così ci si sente sempre vivi.

Mahmood è felice di essere arrivato tra i big, ma ha molto da imparare, è rimasto sempre il solito ragazzo. Nella canzone “Soldi” portata al Festival viene trattato il tema della famiglia, non a caso c’è anche un pezzo di canzone in arabo (piccolo ricordo d’infanzia). Questa canzone segue molto la linea guida di “Gioventù bruciata”.

Daniele Silvestri con la sua “Argento Vivo” racconta un po’ la parte nera dell’adolescenza, sentire poco la presenza dei propri genitori, quindi distanza tra genitori e figli, è molto marcata, quindi è necessario chiedere sempre aiuto perché c’è il rischio che si spenga la fiamma su questo argomento. Per rimanere argento vivo, non si deve mai spegnere la passione che lo ha guidato fino a qui

Michela Cicirelli e Marianna Maiullari

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*