Sanremo 2019: IL VOLO IN CONFERENZA STAMPA

Ecco le loro dichiarazioni

Il Volo(quest’anno festeggiano dieci anni dal debutto sul palco sanremese) in conferenza stampa nella sala “Lucio Dalla” colpiscono per la loro simpatia. In effetti la risposta ad ogni domanda è condita dalla giusta dose di ironia. La conferenza inizia con la premiazione da parte di YouTube perché il loro canale ha superato 1 milione di iscritti.Dichiarano che hanno deciso di partecipare con il loro genere perché è una formula che funziona nonostante la musica stia cambiando. Ritornano sul palco dell’Ariston con spirito di festa visto che li hanno debuttato dieci anni fa anche se molti loro colleghi hanno timore del palco di Sanremo e preferiscono ritornare come superospiti. L’unione è una conseguenza del loro sodalizio ma grazie al loro spirito di convivenza sono molto uniti anche nel quotidiano e grazie ad esso il trio non si è sciolto nonostante siano passati tanti anni dalla loro fusione. A proposito dell’Eurovision ammettono di non pensarci e di vivere la competizione giorno per giorno anche se per loro sarebbe bello ritornarci. Nel 2015 hanno sentito amore per la propria patria e è stato motivo di orgoglio avere in mano la bandiera italiana. Inoltre dichiarano che una radio americana si occupano di far trasmettere un loro DVD trasmesso nel 98% del territorio americano e in questo modo promuovono il made in Italy nel mondo. Affermano che il loro genere ha bisogno di essere evoluto infatti c’è un evoluzione nella melodia e nel modo di cantare e anche in futuro cercheranno di evolversi. Menzionano la Nannini che ha collaborato nella scrittura. Non hanno la presunzione di vincere anche se gli piacerebbe ma per loro conta l’emozione di ritornare dopo dieci anni dal loro primo festival. Non cambieranno genere perché hanno un forte senso di appartenenza al genere da loro cantato. Inoltre spiegano cosa gli ha spinti a duettare con Alessandro Quarta. Dichiarano che come loro cercano di fondere le loro voci classiche con un genere contemporaneo così fa Quarta con il violino(fa musica rock con uno strumento classico). Rispondono anche ad alcune domande sul perché non facciano musica che parli di politica e di temi sociali. Affermano che loro non sono quel tipo di artisti e cik sono molti artisti sicuramente più appropiati. Inoltre per loro è sicuramente più difficile cantare testi sociali e politici scritti da altri. Chiudono la conferenza parlando del loro disco in uscita il 22 febbraio intitolato “Musica” con 3inediti e 8 cover.

Marianna Maiullari

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*