Rendiconto Alsia, audito direttore in seconda Commissione

La seconda Commissione consiliare presieduta da Giannino Romaniello (Gm) ha audito, oggi, il direttore dell’Agenzia lucana di sviluppo e di innovazione in agricoltura (Alsia), Domenico Romaniello coadiuvato dalla responsabile dell’ufficio Affari generali e finanziari, Rosanna Caragiulo in merito al Rendiconto finanziario 2017 dell’Agenzia.

Il fondo cassa al 31 dicembre 2017 ammonta a circa 4,9 mln di euro, i residui attivi sono pari a circa 3,7 milioni di euro mentre quelli passivi sono pari a circa 1,6 milioni di euro. L’avanzo di amministrazione al 31 dicembre 2017 è pari a circa 6 milioni di euro e contiene la parte accantonata di circa 517 mila euro (Fcde, rischi spese legali e fondo residui perenti), la parte vincolata di circa 4,2 milioni di euro e una parte disponibile di circa 1,4 milioni di euro.

“Dopo l’acquisizione del Centro Ricerche Metapontum Agrobios abbiamo messo in campo una nuova azione amministrativa. Oggi guardiamo ad un sistema più articolato al fine di sostenere processi di sviluppo legati all’economia circolare. Per il prossimo quinquennio – ha spiegato Romaniello – abbiamo predisposto un piano di amministrazione che polarizza l’attività dell’agenzia su due aziende: il polo di Pantanello e quello di Pantano di Pignola”.

“L’amministrazione dell’Agenzia – ha affermato Caragiulo – si è concentrata sull’utilizzo dell’avanzo vincolato. Ci auguriamo che i trasferimenti da parte della Regione siano incrementati. L’avanzo di amministrazione libero, circa 1,4 milioni di euro, è stato utilizzato per la ristrutturazione dell’azienda di Pantano di Pignola”.

Dopo l’illustrazione del documento finanziario di Romaniello e Caragiulo la riunione della seconda Commissione è stata aggiornata alla prossima settimana.
Erano presenti ai lavori oltre al presidente Romaniello (Gm), i consiglieri Bochicchio (Psi), Napoli e Leggieri (M5s).

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*