Gravina in Puglia: In Fiera un’area riservata alla promozione dei prodotti a km zero

Nella Fiera che verrà ci sia uno spazio importante e qualificato anche per i sapori della tradizione.

È la proposta che la Sesta Commissione consiliare “Politiche per lo sviluppo” presieduta da Vincenzo Di Meo (componenti: Maria Ariani, Domenico Calderoni, Michele Lorusso, Ezio Simone) ha elaborato e sottoposto all’amministrazione comunale, rappresentata nell’occasione dall’assessore delegato alla Fiera, Giovanni Cavallera. «Nel corso dell’ultima seduta, aperta su nostro invito anche alla partecipazione dell’assessore – spiega Di Meo – abbiamo presentato l’idea venuta fuori dai lavori della Commissione: all’interno della prossima Fiera di San Giorgio ritagliare un’area da dedicare al mercato dei prodotti ortofrutticoli ed agroalimentari locali di qualità». Una sorta di finestra aperta sulle produzioni a chilometro zero, con Gravina e la Murgia che tanto hanno da dire – e dare – in proposito. Soprattutto ed ancor più nell’ottica di Matera2019 e dei tanti visitatori attesi in tutto il comprensorio per tutto l’anno. «Un po’ come già avvenuto alla Fiera del Levante – precisa Di Meo – è nostra intenzione offrire ai nostri produttori uno scenario importante e prestigioso per valorizzare il proprio lavoro ed i frutti di esso. Un modello importante, del resto, già esiste, ed è quello testato con successo in più occasioni da Coldiretti, con la quale è possibile ipotizzare anche una qualche forma di collaborazione, magari con il coinvolgimento dell’istituto alberghiero e dei sommelier del vino e dell’olio extravergine d’oliva, a sottolineare ancor più le potenzialità e peculiarità del territorio». Suggerimenti che, dice Di Meo, «hanno trovato un attento interlocutore nell’assessore Cavallera, che ci ha anzi confermato essere intenzione anche dell’amministrazione comunale seguire la strada indicata. Verificheremo, nelle settimane a venire, la fattibilità dell’iniziativa, pronti a garantire il nostro sostegno, in termini di idee e proposte, perché la prospettiva delineata possa trovare concreta realizzazione».

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*