A Viggiano manifestazione Comitato “Governiamo il Cambiamento” e dal Movimento Civico “STOP”

<<Il 07.10.1998 e il 18.11.1998 furono sottoscritti rispettivamente il protocollo d’intesa tra Stato e Regione e quello tra Regione ed Eni sulle estrazioni petrolifere in Val d’Agri. Di questa “ricorrenza” ventennale, poco si è parlato in Basilicata. Semmai si è addirittura alluso al fatto che il Consiglio Regionale uscente (già abbondantemente scaduto) potesse rinnovare gli accordi con Eni senza aspettare l’elezione del prossimo Consiglio Regionale. Proprio per destare l’attenzione dell’opinione pubblica lucana su questi temi capitali per il futuro della Basilicata il Comitato “Governiamo il Cambiamento” e il Movimento di Liste Civiche “STOPd” hanno programmato una manifestazione con presidio e conferenza – stampa all’aperto sul piazzale antistante il COVA (Centro Oli di Viggiano) per le 10.30 di sabato 12.01.2019.>>

Il tema estrazioni petrolifere è da settimane all’ordine del giorno dei dibattiti politic nazionali, specie dopo le autorizzazioni dei MISE a sondaggi nel Mar Jonio, adesso saggiamente bloccate dal Governo. In , terra di estrazioni e di esplorazioni, bagnata da quel mare in cui si voglio trasferire queste attività, la classe dirigente e politica tutto fa tranne che parlare di questi temi e dibatterne, come se da esso non dipendesse il presente ed il futuro di questa terra.

E’ quanto dice in una nota Leonardo Giordano, consigliere comunale di Montalbano Jonico ed esponente del comitato “Governiamo il Cambiamento” costituitosi il 14 luglio scorso a Maratea. <<Nel corso della manifestazione ci saranno diversi interventi sul tema compreso quelli di alcuni giovani lucani che lavorano e studiano fuori e vorrebbero per il loro futuro poter ritornare ad impegnarsi per la loro terra e la loro regione. E’ significativo altresì che la manifestazione sia organizzata in collaborazione con il Movimento Civico “STOPd”, intesa raggiunta a metà dicembre nel corso di un incontro a Potenza.>>

Ufficio Stampa

“Governiamo il Cambiamento”

Matera

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*