PIRRETTI (ALLEANZA PER IL TERRITORIO) SU ALLARME TRIVELLAZIONI NEL MAR IONIO

PIRRETTI (ALLEANZA PER IL TERRITORIO): “ATTO IGNOBILE VERSO IL NOSTRO MARE E LE NOSTRE VITE”
La bomba scoppia sul finire del 2018 con la pubblicazione sul BUIG (il bollettino ufficiale degli idrocarburi e delle geo risorse) delle autorizzazioni per tre nuovi permessi di ricerca petrolifera a favore della società americana Global MED LLC, con sede legale in Colorado, Usa.
Un fulmine a ciel sereno che si è abbattuto sulle regioni che si affacciano sullo Ionio e che già si sono espresse in maniera contraria con un referendum il 17 Aprile 2016 per dire no alle estrazioni petrolifere ed alle operazioni di ricerca in mare.
Il Ministro dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio, che tanto si era speso durante i suoi anni all’opposizione del Governo del Paese a tutela dell’ambiente, non ha abrogato l’art. 38 della legge Sblocca Italia, che consente di unificare l’autorizzazione di ricerca con la concessione ad estrarre idrocarburi, come con Ilva e come altri adempimenti adottati dai governi precedenti a quello gialloverde, conferma per intero quello che è stato fatto.
Tutto questo è ignobile nei confronti del nostro mare e della popolazione che su esso si affaccia in quanto il Movimento guidato da Di Maio, non ha abrogato un articolo su cui aveva assicurato che avrebbe messo mano.
A nulla servono ora i proclami e le prese di posizione. Bisognava agire prima per dimostrare di tenere davvero alle sorti del Paese e non ora, confermandosi perfetti azzeccagarbugli in perenne campagna elettorale che fanno tutto ed il contrario di tutto prestando il fianco alla Lega di Salvini che ha inviperito l’Italia a colpi di leggi contro gli immigrati.
Alleanza per il Territorio metterà in campo tutte le iniziative possibili affinché questo scempio sia evitato e non esiterà a scendere in piazza a sostegno delle forze politiche che intenderanno impugnare questa autorizzazione così come annunciato dal Governatore della Regione Puglia Michele Emiliano.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*