Tempa Rossa, Cisl: “Basta ambiguità, ora servono atti concreti”

La Cisl torna sulla vertenza Tempa Rossa e auspica un confronto serio, costruttivo e senza pregiudiziali con Total e Tecnimont. Per il segretario generale aggiunto Giuseppe Amatulli e il segretario generale della Femca Cisl, Francesco Carella, “molti dei problemi sul tappeto sono frutto delle ambiguità di Tecnimont che ha assunto impegni senza portarli a termine sottraendosi al confronto con Total. La società – continuano i due sindacalisti – deve assumersi le proprie responsabilità e non puntare unicamente il dito verso la compagnia francese”. Per dipanare una matassa che si è fatta particolarmente complicata, Amatulli e Carella auspicano “un tavolo di confronto serio con tutte le parti interessate, sindacali, imprenditoriali e istituzionali, con l’obiettivo di superare il clima di propaganda in cui si è impantanata la discussione e guardare alle prospettive di sviluppo produttivo e occupazionale del territorio”. Per la Cisl “il confronto con Tecnimont e Total deve ripartire entrando nel merito delle questioni; in primis capire il fabbisogno effettivo di personale e di professionalità da parte della compagnia francese in modo da approntare un adeguato piano di riqualificazione delle maestranze. L’obiettivo – ripetono Amatulli e Carella – è dare prospettive occupazionali al territorio lucano tenendo insieme lavoro, ambiente e sicurezza e creare i presupposti per l’avvio delle estrazioni”.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*