A Viggianello un convegno sui risultati dei controlli sulle emissioni della Centrale del Mercure

Un convegno organizzato dall’associazione Radar su “salute, ambiente e legalità”: saranno questi gli argomenti che verranno trattati nell’incontro di venerdì prossimo a Viggianello intitolato “Ambiente e salute, una questione Centrale”, che si terrà presso l’Istituto Scolastico “Anzoleconte” alle ore16 e che verrà aperto da Antonio Rizzo e Rocco Bruno, sindaci, rispettivamente, di Viggianello e Rotonda.

“Il nostro territorio è tutelato? La nostra salute è a rischio? Come agiscono le Istituzioni?”, saranno queste le domande cui si proverà a rispondere nel corso della riunione durante la quale verranno anche comunicati e spiegati i primi risultati sul monitoraggio ambientale in corso sull’attività della Centrale del Mercure, commissionato proprio da Radar. La vicenda che riguarda l’impianto a biomassa nel cuore del Parco del Pollino, ancora per poco di proprietà Enel, farà da sfondo alla discussione nella quale comunque verranno toccate anche altre tematiche che attengono, appunto, ai temi dell’ambiente, della salute e della legalità.

Interverranno come relatori: Giuseppe Antoci, ex presidente del Parco dei Nebrodi e paladino della lotta alla mafia, che vive sotto scorta dal 2016 dopo essere sfuggito a un attentato di “Cosa Nostra” per aver ideato e introdotto il “Protocollo di legalità”, oggi legge delle Stato; Giuseppe Di Bello, ex tenente della Polizia Provinciale di Potenza che sta ancora lottando per riavere il distintivo e salito agli onori della cronaca dopo le sue rilevazioni che hanno portato alla luce la contaminazione delle acque del “Pertusillo”; Don Giuseppe Ditolve, parroco di San Giuseppe Lavoratore – Pisticci Scalo, da sempre impegnato in iniziative a tutela della salute e recentemente promotore della “Marcia per la Vita” di Pisticci; Enzo Bonafine, presidente Radar e storico avvocato difensore dei Comuni di Rotonda e Viggianello nella battaglia legale contro la riapertura della Centrale del Mercure.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*