5 RAGAZZI “SPECIALI” FIRMANO IL CONTRATTO DI LAVORO CON OLTRE L’ARTE

MOLTO PIU’ DI UNA FIRMA. MOLTO PIU’ DI UN LAVORO.

4 RAGAZZI CON SINDROME DI DOWN E UNA RAGAZZA CON DISABILITA’ SOTTOSCRIVONO IL CONTRATTO DI LAVORO

A TEMPO INDETERMINATO CON LA COOP. OLTRE L’ARTE

Mercoledì 21 novembre 2018, ore 17.00

Curia Arcivescovile di Matera

Non capita spesso che 4 ragazzi con sindrome di down e una ragazza con disabilità abbiano la possibilità di sottoscrivere un contratto di lavoro a tempo indeterminato, segno di una piena integrazione sociale e del pieno riconoscimento delle loro attitudini. Per questo abbiamo voluto che questo momento formale si tramutasse in una occasione di gioia condivisa”.

Con queste parole, Rosangela MAINO, presidente della Coop. OLTRE L’ARTE di Matera, ha annunciato l’evento, dal titolo “MOLTO PIU’ DI UNA FIRMA. MOLTO PIU’ DI UN LAVORO”, in programma MERCOLEDI 21 NOVEMBRE, alle ore 17.00, presso la Curia Arcivescovile di Matera, durante il quale Isabella, Massimo, Nicola, Niccolò e Rosanna sottoscriveranno ufficialmente il contratto di lavoro a tempo indeterminato con la Coop. Oltre l’Arte, che da 10 anni gestisce il circuito urbano delle chiese rupestri.

Interverranno Mons. Antonio Giuseppe Caiazzo, Arcivescovo di Matera – Irsina, S.E. Antonella Bellomo, Prefetto di Matera, Raffaello De Ruggieri, Sindaco di Matera, Andrea Sinno, rappresentante nazionale dell’AIPD – Ass. Ital. Persone Down, Cecilia Sasaniello, consulente del lavoro. L’evento sarà moderato dal giornalista Filippo Olivieri.

E’ un momento di grande gioia per la nostra cooperativa, per i ragazzi e per i loro genitori. La loro presenza, in questi anni che hanno preceduto il contratto a tempo indeterminato – ha aggiunto Rosangela Maino – ha portato una arricchimento umano per noi tutti, contribuendo a rendere l’ambiente di lavoro simile ad una vera e propria “famiglia”, perchè la valorizzazione delle diversità rappresenta un fondamento dell’agire quotidiano della nostra cooperativa. Siamo certi che questa “bella notizia” troverà spazio ed eco attraverso la collaborazione degli organi di stampa e dei giornalisti, che siamo lieti di invitare a questo evento”.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*