Premio Thalia 2018: I vincitori

L’Apt Basilicata e il Comune di Sant’Angelo Le Fratte sono i vincitori del Premio Thalia 2018 ai quali si aggiungono riconoscimenti-menzione speciale a Mariangela De Biase e Sabrina Cannas, per l’evento “Discover Destination Wedding Maratea”, al team dell’’Area Patrimonio archeologico Soprintendenza (sede Foggia) per il Parco Archeologico di Santa Maria di Merino a Vieste e alla dottoressa Maria Anna Pilogallo direttrice della Biblioteca Nazionale di Potenza per la Bibliomedioteca-Polo Culturale Lucano. Lo rende noto il Centro Studi Turistici Thalia riferendo che i riconoscimenti, come ogni anno, saranno consegnati in occasione del Festival di Potenza, sabato 24 novembre prossimo in una cerimonia presso l’Auditorium del Conservatorio di Musica di Potenza.

Il più recente riconoscimento (ottobre) ottenuto al Ttg di Rimini – il primo posto della Basilicata tra le regioni italiane come destinazione con la migliore reputazione in assoluto, decretata sul web dalle recensioni dei turisti che parlano della propria esperienza di viaggio, con particolare riguardo alle strutture ricettive ed alla qualità dell’accoglienza – secondo il C.S. Thalia – è solo l’ultimo, in ordine di tempo, che decreta un anno di grandi successi per l’Apt Basilicata. La Basilicata inoltre si è aggiudicata anche la terza posizione nella categoria delle regioni percepite come “più autentiche” e il secondo posto tra le regioni “più accoglienti”. Di qui il Premio Thalia 2018 che il neo presidente della Camera di Commercio della Basilicata, dr. Michele Somma, conferirà a Mariano Schiavone, direttore generale dell’Agenzia di Promozione Territoriale, da condividere con tutto il sistema turistico della Basilicata, dagli operatori alle istituzioni che quotidianamente operano per far crescere la nostra reputazione ribaltando la storica etichetta che il passato ci ha attribuito. “Un traino di immagine – come sottolinea Schiavone – lo sta evidentemente rappresentando la forza di Matera Capitale Europa della Cultura 2019 ed in questo caso il web sta amplificando maggiormente la visibilità e la percezione della qualità di tutto il territorio”.

A ritirare il Premio “per aver realizzato in termini moderni e al tempo stesso genuini” iniziative ed azioni di sempre più efficace attrattiva accoglienza turistica, sarà invece il sindaco di Sant’Angelo Le Fratte Michele Laurino. L’animazione culturale a Sant’Angelo va di pari passo con l’enogastronomia che nel Parco delle Cantine ha trovato già da anni la location naturale. Il turismo nei borghi italiani va alla grande: secondo i dati diffusi dall’Istat, le presenze turistiche del 2017 in questi centri sono cresciute di 24 milioni di visitatori in più nei piccoli paesi rispetto all’anno precedente. I borghi sono patrimonio unico nel suo genere, rappresentano un’Italia inconsueta da quella più conosciuta, sono i luoghi dove si preserva lo stile di vita italiano.
In particolare il turismo enogastronomico piace sempre di più. Un italiano su tre ha svolto almeno un viaggio motivato dall’enogastronomia negli ultimi tre anni.

Gli altri riconoscimenti.

Mariangela De Biase e Sabrina Cannas, imprenditrici turistiche marateote da tempo impegnate nel mondo della comunicazione, degli eventi e profondamente innamorate della loro terra, per l’evento “Discover Destination Wedding Maratea”. Maratea ha tutte le opportunità per affermarsi sulla scia della crescita di altre destinazioni al Sud come location di matrimoni per italiani e soprattutto stranieri. L’evento di Maratea rappresenta una vetrina di promo-commercializzazione importante che vede tutti gli operatori marateoti (e non solo) impegnati anche attraverso novità da presentare in termini di offerta di pacchetti specifici ed altro.

Al team dell’’Area Patrimonio archeologico Soprintendenza (sede Foggia) coordinato dal funzionario archeologo dott. Italo M. Muntini e composto tra gli altri dal dott. Feliciano Stoico e la dott. Donatella Pìan. Il Parco Archeologico di Santa Maria di Merino a Vieste – l’area archeologica degli ipogei e della necropoli paleocristiana della “Salata“ – tornato alla pubblica fruizione solo di recente è il sito archeologico del Sud dell’estate 2018. Il C.S. Thalia sottolinea la “best practice” di Vieste per l’intero patrimonio archeologico e culturale meridionale grazie all’impegno, alla passione, alla dedizione del team di archeologi.

Alla dottoressa Anna Maria Pilogallo, direttrice Biblioteca Nazionale Potenza, per l’impegno riferito all’avvio della Bibliomedioteca-Polo Culturale , risultato dell’intesa sottoscritta da Mibact, Regione Basilicata e Provincia di Potenza per valorizzare il patrimonio librario in un servizio bibliotecario unico. A lei il delicato compito di “traghettare l’istituto nel nascente Polo culturale integrato del territorio, individuato nella Bibliomediateca di piazza delle Regione a Potenza”.

Sarà il Presidente della Provincia Rocco Guarino a consegnare il riconoscimento alla dottoressa Pilogallo.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*