A Matera per la rassegna Stili a Confronto il concerto di Francesco Palazzo e del quartetto d’archi della Magna Grecia

La settima edizione della rassegna “Stili a Confronto”, organizzata dall’Istituzione Concertistica Orchestrale “Magna Grecia e diretta “filiazione” della stagione “Matera in Musica”, in collaborazione con “Basilicata Circuito Musicale”, propone per domenica 18 novembre il concerto del fisarmonicista Francesco Palazzo e del quartetto d’archi della Magna Grecia. Appuntamento alle ore 18.30 nel Museo Ridola, con ingresso libero. “Storia di uno strumento” è il titolo del nuovo appuntamento della rassegna cameristica che si fonda sulla scelta di organici e repertori insoliti. Francesco Palazzo, nato a Martina Franca, è docente di Fisarmonica presso il Conservatorio “N. Piccinni” di Bari. Parallelamente all’attività concertistica e di insegnante, svolge quella di re-visore e compositore con svariate pubblicazioni di trascrizioni, adattamenti e proprie composizioni per fisarmonica. Nel Luglio 2016 il Centro Studi Carlo D’Angiò di Scurcola Marsicana (AQ) gli ha insignito il Premio Internazionale Carlo D’Angiò per la sezione “Musica – Composizione”. Pa-lazzo ha condotto una personale ricerca tecnica ed espres-siva, basata anche su confronto con altri strumenti, che lo ha spinto a rifondare la sua tecnica esecutiva su basi nuove e a progettare e far costruire uno strumento da concerto più rispondente alle rinnovate esigenze artistiche. Ultimo appuntamento giovedì 29 novembre, alle ore 20, con “Piano solo” di Tatiana Chistiakova. Musiche di Bach-Pietri (Choral in B-dur), Mozart (Fantasie KV 396) e Tchaikovsky (Grande Sonata op.37). Tatiana Chistiakova è nata a Mosca e ha iniziato a suonare il pianoforte all’età di sei anni nella scuola Sviatoslav Richter. E’ stata vincitrice di oltre venti concorsi internazionali in Russia, Ucraina, Italia, Spagna, Bulgaria e Serbia.

Il direttore artistico della rassegna è Maurizio Lomartire. Partner istituzionali: Regione Basilicata, Fsc, Comune di Matera, Matera 2019.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*