Sopralluogo al cantiere della Studentato di Matera dell’Unibas

Proseguono i lavori per l’ultimazione dello studentato Unibas di Matera e presto sarà possibile accogliere, in una struttura adeguata, gli studenti provenienti dall’estero, da altre regioni e i pendolari lucani.
Nei primi mesi del 2019 è prevista l’inaugurazione ufficiale del Campus, sono in avanzato stato anche le operazioni trasloco, mentre le opere di consolidamento, ristrutturazione e recupero complessivo dell’immobile che ospiterà lo studentato dovrebbero terminare entro la fine del 2019.
E’ quanto emerso ieri, al termine di un sopralluogo, presso l’edificio che ospiterà a Matera, nell’area superiore del Campus di Rione Lanera, lo studentato dell’Unibas, da parte dell’assessore regionale alle politiche di sviluppo, lavoro, formazione e ricerca – Roberto Cifarelli, della rettrice Unibas – Aurelia Sole e di rappresentati dell’impresa appaltatrice.
“La visita al cantiere dello studentato – ha commentato l’assessore Cifarelli – ci ha fatto comprendere l’avanzamento dei lavori e i motivi dei ritardi. In questi cinque anni, ho personalmente seguito l’evolversi della situazione, facendo da stimolo nei confronti delle stazioni appaltanti affinché le opere fossero realizzate nel minor tempo possibile. La previsione che per fine 2019 lo studentato, con 180 posti letto, potrà essere consegnato all’Ardsu, che è il soggetto che lo gestirà, significa porre tempi certi per elevare lo standard dell’accoglienza, per agli studenti universitari di Matera. Significa anche – osserva Cifarelli – eliminare la precarietà che ha sempre contraddistinto l’accoglienza degli studenti, dalla nascita del polo universitario nella città dei Sassi”. Al progetto dello studentato si lavora da maggio del 2016. L’Ente appaltante è la Regione Basilicata – Ardsu, l’importo delle opere è di 12 milioni di euro circa, attraverso un cofinanziamento del Ministero dell’Istruzione, dell’Università della Basilicata e dell’Ardsu.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*