Matera, dal 5 al 9 novembre “Crash Test, prove di schianto”

IAC, Centro Arti Integrate, nell’ambito delle attività di avvicinamento al 2019 organizza a Matera presso gli Archi del Palazzo dell’Annunziata, dal 5 al 9 novembre, “Crash Test, Prove di schianto”, una serie di appuntamenti che hanno il carattere di sperimentazione sociale.
Lo rendono noto gli organizzatori spiegando che: “Non saranno dei laboratori e nemmeno degli spettacoli, ma delle vere e proprie prove, che noi abbiamo chiamato ‘di schianto’ e in cui chiederemo ai cittadini, ai turisti, ai passanti, a bambini, giovani, adulti e anziani di essere protagonisti, sperimentando insieme a noi e seguendoci in questo percorso che ci vedrà impegnati tutti i cinque pomeriggi, dalle ore 19 alle ore 21.Per partecipare non è necessario prenotarsi, ma semplicemente presentarsi puntuali, alle ore 19, presso gli Archi situati in Piazza Vittorio Veneto, il tutto in maniera assolutamente gratuita.
“Crash Test, Prove di Schianto” è parte del Progetto Matera Città Aperta co-prodotto dalla Fondazione Matera 2019 e IAC – Centro Arti Integrate: il progetto prevede la realizzazione di una performance sul tema del limite da realizzare all’interno della programmazione di Matera Capitale europea della Cultura per il 2019. Rientra nel tema del dossier di Matera 2019 Utopie e Distopie: abbiamo scelto di utilizzare – si legge ancora nella nota – la chiave di lettura distopica seguendo il filone artistico che si è sviluppato maggiormente a partire dagli inizi del 1900. Il tema sarà sviluppato tenendo presente le varie declinazioni come il limite geografico, i confini di proprietà privata, i limiti e le separazioni tra le persone, le barriere di tipo sociale e culturale, provando a raccontare allo stesso tempo lo scenario del territorio locale materano e quello internazionale. La performance della durata di una settimana ha avuto il suo debutto dal 30 settembre al 6 ottobre 2019 con la realizzazione di un’installazione, simbolo di tutti i limiti che esistono nella quotidianità”.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*