Gravina in Puglia: Raccolta differenziata: riparte la campagna di sensibilizzazione nelle scuole Coinvolti insegnanti e studenti delle elementari

Prima una serie di incontri con gli insegnanti. Poi, nelle settimane a seguire, quelli con gli alunni.

È ripartita in tutti i Comuni dell’ambito di raccolta ottimale Bari 4 la campagna di sensibilizzazione e formazione alla raccolta differenziata, curata dalla Teknoservice ed organizzata in città in collaborazione col Comune, d’intesa con i dirigenti delle scuole primarie gravinesi. Obiettivo dichiarato: favorire l’educazione alla pratica del riuso ed al corretto smaltimento dei rifiuti, nel rispetto dell’ambiente. «A distanza di quattro mesi dall’avvio del servizio – spiega l’assessore all’igiene ed al decoro urbano, Paolo Calculli – la percentuale della differenziata si è attestata attorno al 68%, ma crediamo che con le attività programmate si possa non solo migliorare, ma anche gettare le basi per un cambiamento radicale di mentalità e cultura». Conferma l’assessora alla pubblica istruzione, Maria Nicola Matera: «Con la campagna di sensibilizzazione che si svilupperà nell’arco delle prossime settimane intendiamo contribuire a diffondere tra i cittadini, in particolare tra i nostri fanciulli, stili di vita improntati al rispetto dell’ambiente, al responsabilizzarsi ed al rendersi cittadini consapevoli».

A coordinare le azioni pianificate sarà Paola Gasparini, responsabile dell’Ufficio Marketing di Teknoservice. A Gravina, in particolare, saranno interessati e coinvolti insegnanti ed alunni delle scuole elementari “Don Saverio Valerio”, “San Giovanni Bosco”, “San Domenico Savio”, “Padre Pio”, “Domenico Nardone” e “Arcangelo Scacchi”. In una prima fase (nelle giornate del 25, 26 e 29 Ottobre) si terranno gli incontri con i docenti. A seguire, tra il 7 ed il 18 Dicembre prossimi, toccherà invece ai bambini dialogare con i propri insegnanti ed i formatori Teknoservice per addentrarsi nel mondo della differenziata e diventare ambasciatori dell’ambiente in famiglia e nel resto della comunità.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*