LA MADONNA DI VIGGIANO VA VIA E LASCIA IL SUO CUORE AI PISTICCESI

PISTICCI. Le cose belle vanno vissute fino in fondo. E’ quello che  ha fatto il grande popolo pisticcese durante la “ cinque giorni” e fino al commiato  dalla Madonna di Viggiano, Patrona e Regina della Lucania, in partenza per Matera. Cinque giorni indimenticabili  per questa città, che ha vissuto momenti di preghiera ma anche momenti esaltanti di fede al cospetto della Vergine  Nera venuta dal Monte di Viggiano. In migliaia i fedeli che l’altra sera accolsero il suo arrivo con una calorosa ovazione in piazza S. Rocco; in migliaia  i fedeli che l’hanno venerata, adorata, pregata giorno e notte senza lasciarla mai sola; in migliaia i fedeli che domenica pomeriggio l’hanno accompagnata   dalla chiesa di Sant’Antonio fino al piazzale Liscio – portata a spalla dai portatori di San Rocco, rappresentanti dei portatori di Santa Maria delle Grazie di Marconia e  portatori della città di Viggiano che hanno intonato musiche sacre al suono di zampogne – passando per Corso Margherita, Corso Metaponto, via Vespucci, Chiesa di Cristo Re, via Caboto, via  San Donato dove l’attendeva il mezzo che l’avrebbe portata nel capoluogo della nostra provincia, accompagnato da quattro pulman colmi di fedeli e tantissime auto e moto al seguito. Una “ cinque giorni” che rimarrà tra i ricordi più cari e  che, come ha sottolineato il parroco del Santuario di Viggiano don Paolo, ha reso “ felice” il popolo dei fedeli pisticcesi a cui la Madonna di Viggiano ha” lasciato” il suo cuore come pegno per un ritorno vicino o lontano in questa città. Una città  che da sempre e in modo straordinario, la venera come spiega una storia lunghissima legata ad antichissimi episodi che vedevano il popolo pisticcese, a maggio e a settembre di ogni anno, raggiungere il centro di Viggiano e il suo Monte, attraverso traini, muli, asini e cavalli, ma anche e soprattutto a piedi.  E’ d’obbligo a questo punto, lodare la organizzazione e in particolare don Michele Leone e il suo giovane staff per come è stato preparato l’evento, ma soprattutto come questo si è svolto, senza una sbavatura e con una precisione che fa onore a tutti quelli che direttamente e indirettamente erano coinvolti. Un riconoscimento a parte per le istituzioni e in particolare per il sindaco Viviana Verri, sempre presente in forma ufficiale ,  dall’arrivo della Madonna in piazza San Rocco unitamente ai primi cittadini di Corleto e di Viggiano, alla consacrazione della comunità parrocchiale a Maria, all’accompagnamento nella città di Matera. La Madonna di Viggiano non poteva mancare di fermarsi a Tinchi, Marconia e Pisticci Scalo, dove vivono tantissimi fedeli che l’ hanno accolta come si deve ad una Regina della nostra terra. Cinque giorni che sono volati via, lasciando più di qualche rimpianto e forse  anche qualche lacrima. Con la consapevolezza però, che quella Madonna, per l’occasione, è diventata più amica e più madre del popolo pisticcese.

MICHELE SELVAGGI

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*