Consorzio turistico: Maratea sempre più location per matrimoni

“Maratea ha tutte le opportunità per affermarsi sulla scia della crescita di altre destinazioni al Sud come location di matrimoni per italiani e soprattutto stranieri. Ad affermarlo è il Consorzio Turistico di Maratea che sostiene l’evento “ Discover Destination Wedding Maratea”, tre giorni di scoperta, viaggi ed eventi a Maratea.
Le nozze in Italia – sottolinea Biagio Salerno, presidente del Consorzio Turistico di Maratea – sono diventate un affare milionario, un business che quest’anno toccherà i 700 milioni di euro e interessano sempre di più un mercato che è disposto a spese in crescita, permettendo alle destinazioni interessate di scalare le graduatorie delle mete up level nel mondo .
In testa a questa particolare classifica è la Toscana. Secondo lo studio ‘Destinaton Wedding in Italy’ del Centro studi turistici di Firenze, infatti, a guidare il ranking delle regioni italiane che più ospitano e interessano i vip e big spender internazionali per i matrimoni è proprio la Toscana, seguita dalla Lombardia al 16%, dalla Campania al 14,7%, dal Veneto al 7,9% e dal Lazio al 7,1%. Ma i super vip amano soprattutto il Sud, in particolare la Puglia, la Sicilia e la Calabria e quindi la Basilicata, considerata “emergente” nelle destinazioni di nozze ha un potenziale enorme, sfruttando anche la buona immagine costruita negli ultimi tempi.
Altra tendenza da cogliere: cambia anche la stagionalità dei matrimoni. Il classico periodo giugno-settembre sta slittando verso i mesi di spalla, in particolare l’inverno. Questo dipende anche dall’ingresso nel mercato di fasce di reddito differenti, più sensibili al fattore prezzo, ma fondamentalmente è legato alle nuove nazionalità che si affacciano all’Italia, come i cinesi e gli asiatici.
Ancora. Lontani i tempi in cui sposarsi nel Belpaese era un lusso per pochi, anzi, pochissimi super-ricchi: oggi scegliere l’Italia quale destinazione per le nozze è un’opzione alla portata di (quasi) tutti. La maggior parte delle celebrazioni (il 76,2%), festeggiamenti compresi, è stata infatti di categoria “standard” e ha prodotto un fatturato aggregato diretto di circa 137 milioni. Seconde per numero sono state le nozze di tipologia “luxury”, che hanno rappresentato il 19,4% del totale producendo però sul territorio un fatturato di 178 milioni di euro. In ultimo i matrimoni “super luxury”, che costituscono il 4,4% di tutti quelli celebrati in Italia dagli stranieri, per circa 70 milioni di fatturato aggregato. E a Maratea non sono mancati negli ultimi due anni matrimoni di tipologia “luxury” che sono stati utilissimi a promuoverci.
Per tutte queste ragioni – dice Salerno – l’evento di Maratea rappresenta una vetrina di promo-commercializzazione importante che vede tutti gli operatori marateoti impegnati anche attraverso novità da presentare in termini di offerta di pacchetti specifici ed altro”.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*