Progetto Erasmus + – “Get Moving into circular economy”

I dettagli del progetto candidato dall’Amministrazione Provinciale di Potenza ed approvato  nell’ambito del Programma Erasmus+ verranno presentati nel corso della conferenza stampa di apertura

Si terrà martedì 2 ottobre alle ore 10:30, presso la sede dell’Amministrazione Provinciale di Potenza in Piazza Mario Pagano, la conferenza stampa di presentazione del progetto Erasmus+ “Get moving into a circular economy”. Il progetto, candidato dalla Provincia di Potenza, in partnership con 8 istituti scolastici, l’Università degli Studi della Basilicata, ETN School, Legambiente Basilicata ONLUS e la FORIM, Azienda speciale della Camera di Commercio di Potenza, è stato approvato dall’INAPP (Istituto Nazionale per l’Analisi delle Politiche Pubbliche – ex ISFOL) nell’ambito della Call 2018, relativa all’istruzione e alla formazione professionale.

Il progetto avrà una durata di 2 anni e consentirà a 150 studenti di 8 istituti tecnici e professionali secondari di II grado, rappresentativi dell’intero territorio provinciale, di svolgere tirocini formativi di 4 settimane in aziende estere operative in due settori centrali in tema di economia circolare, quali l’industria del recupero e valorizzazione dei RAEE – rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche – e l’edilizia sostenibile. I paesi di destinazione sono il Regno Unito (Portsmouth), La Spagna (Malaga), la Bulgaria (Sofia), La Germania (Berlino) e l’Irlanda (Cork) dove hanno sede le agenzie formative e le aziende che compongono il partenariato transnazionale.

I principali obiettivi che, attraverso le attività previste, si intendono conseguire riguardano l’occupabilità degli studenti destinatari, l’acquisizione e l’approfondimento di competenze tecniche, trasversali e linguistiche, il potenziamento delle  attività di orientamento rivolte agli studenti, la conoscenza dell’UE, il rafforzamento dell’internazionalizzazione delle scuole e il miglioramento, a livello locale, del raccordo tra il sistema di istruzione e formazione e il mondo del lavoro.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*