Gianni Matera velocista di Puglia premiato in Comune dal sindaco

Dopo una lunga pausa, è tornato alle gare nella categoria master 50. E subito si è imposto, facendo incetta di trofei e primati.

Gianni Matera, atleta gravinese con la passione per la velocità, ha chiuso in bellezza il suo 2018 in pista: dopo il titolo di campione di Puglia sui 400 metri, ad Ancona ha stabilito il nuovo record regionale sugli 800 metri indoor e, nel giro di poche ore, coi suoi compagni di staffetta, quello nella 4×400. In ultimo, ma solo in ordine di tempo, la convocazione del Comitato regionale Fidal per rappresentare la Puglia al Trofeo delle Regioni, a Misano Adriatico, per correre la 4×100 e la 4×400. Una vagonata di successi, alla quale s’aggiunge ora il riconoscimento dell’Amministrazione comunale: ricevendo in Comune Matera, il sindaco Alesio Valente gli ha consegnato una targa di elogio «per aver scelto di perseverare, di sorridere alla fatica nel nome dello sport che abbatte i limiti e col quale tutto diventa possibile», si legge nella motivazione. «Gianni Matera – ha detto il primo cittadino – è un esempio contagioso di vitalità: campione da giovanissimo, dopo aver troncato per ragioni di lavoro quella che probabilmente sarebbe stata una carriera sportiva di primo piano, è tornato a correre per passione dimostrando di che pasta sia fatto e contribuendo a far conoscere il nome della città anche nel mondo dell’atletica, peraltro non mancando mai di garantire il proprio apporto alla crescita sociale della comunità, attraverso la manifestazione “Ragazzi in corsa”, riservata agli alunni delle scuole elementari e medie, di cui è da sempre tra gli organizzatori». Un sogno realizzato, tra tanti altri pronti a saltar fuori dal cassetto. Su tutti uno in particolare: «Quello di istituire una scuola di atletica per avviare i giovani alla pratica di questo sport che è povero, fortemente sacrificante, ma sano e ricco di soddisfazioni», l’impegno assunto dal velocista made in Gravina, già proiettato verso nuovi traguardi, con lo sprint di sempre.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*