Altamura: Dipendente infedele di un caseificio inseguito ed arrestato dai Carabinieri dopo aver commesso una rapina impropria.

Rocambolesco inseguimento nelle vie del centro del paese tra Carabinieri ed un dipendente di un caseificio del luogo, il quale, poco prima dell’intervento dei militari, si era impossessato di una piccola somma di denaro custodita in azienda.

L’altra mattina, con una telefonata giunta al 112, il titolare di un rinomato caseificio ha richiesto l’intervento di una pattuglia per verificare se una somma di denaro custodita negli uffici dell’azienda fosse stata asportata poco prima da uno dei suoi dipendenti, nei confronti del quale egli, già da tempo, nutriva dei sospetti. All’arrivo della pattuglia ed alla vista dei militari, il dipendente segnalato, ancora sul posto di lavoro, ha lasciato immediatamente le sue mansioni e, dopo aver guadagnato l’uscita dell’azienda, ha iniziato la fuga a piedi per le vie del centro. I tre militari intervenuti si sono subito posti al suo inseguimento, tra lo stupore dei passanti. Ad un certo punto il 29enne è stato raggiunto da un militare che ha tentato di bloccarlo, ma, nel tentativo di divincolarsi, il fuggitivo lo ha fatto finire a terra, procurandogli lievi lesioni, dopodiché è stato definitivamente bloccato dagli altri due militari sopraggiunti sul posto. Per il giovane 29enne, del luogo, sono scattate così le manette, dopo aver accertato che si era effettivamente impossessato della somma di 30,00 euro custoditi nell’ufficio dell’azienda, già restituiti al titolare. Quest’ultimo, nella circostanza, ha denunciato che in passato aveva già riscontrato altri ammanchi di contante in relazione ai quali  sono in corso indagini da parte dei Carabinieri della locale Stazione. Nel frattempo il dipendente infedele, su disposizione della competente A.G., è stato sottoposto agli arresti domiciliari, dovendo rispondere dei reati di rapina impropria, violenza e lesioni a pubblico ufficiale.

Comando Provinciale Carabinieri Bari

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*