Atella, edilizia residenziale: consegnati quattordici alloggi

“La consegna degli alloggi in una comunità rappresenta una delle migliori risposte a quelle che sono le esigenze dettate da un tema come quello della carenza di strutture abitative”.

Lo ha detto l’assessore alle Infrastrutture e Mobilità della Regione Basilicata, Carmine Miranda Castelgrande, che in mattinata ha partecipato ad Atella alla cerimonia di assegnazione di quattordici alloggi realizzati dall’Azienda territoriale di edilizia residenziale di Potenza. Tra i presenti alla consegna delle chiavi agli inquilini, oltre ai rappresentati dell’amministrazione comunale, c’era l’amministratore unico dell’Ater di Potenza, Domenico Esposito.

“Si tratta di un momento di civiltà e rispetto della dignità di quanti hanno la necessità di avere una propria abitazione e, soprattutto, garantisce il rispetto di un diritto sancito dalla Costituzione. Tutto ciò – ha continuato Castelgrande – è stato reso possibile grazie all’applicazione di una norma regionale, la numero 560, che prevede l’utilizzo dell’80 per cento dei proventi derivanti dall’alienazione del patrimonio immobiliare delle Aziende territoriali di edilizia residenziale per destinarli alla costruzione di nuovi alloggi, è questo il caso specifico di Atella, oppure alla manutenzione ordinaria e straordinaria delle abitazioni esistenti. È questo un esempio concreto di relazioni interistituzionali virtuose tra Regione, Ater e Comuni finalizzate a dare risposta alla questione dell’emergenza abitativa. Occorre, inoltre, ricordare che, per contrastare tale situazione emergenziale e favorire al contempo l’inclusione sociale, la Regione Basilicata – ha aggiunto l’assessore regionale – ha messo a disposizione dei Comuni ad alta densità abitativa un apposito bando al fine di consentire il recupero del patrimonio immobiliare. L’avviso è destinato alle cosiddette famiglie monoparentali o ai giovani che si trovano in situazioni di disagio. L’attenzione della Regione su questo tema è molto forte – ha concluso Castelgrande – per questo, mettendo a regime le normative a nostra disposizione, cerchiamo di dare risposte a queste esigenze”.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*