BERNALDA: tratto in arresto per resistenza a pubblico ufficiale, un cittadino di nazionalità romena

Nella serata di venerdì 14 settembre, i Carabinieri della Compagnia Carabinieri di Pisticci, in particolare gli uomini della Stazione Carabinieri di Bernalda, nel corso di un normale servizio di controllo del territorio, hanno tratto in arresto per resistenza a pubblico ufficiale, un cittadino di nazionalità romena C.D. classe ’87, in atto sottoposto all’affidamento in prova al servizio sociale a seguito di Ordinanza del Tribunale di Sorveglianza di Potenza.   

I Carabinieri della Stazione, durante  la verifica del rispetto delle prescrizioni imposte dalla predetta misura, hanno notato il cittadino romeno sulla pubblica via nei pressi dell’abitazione in evidente stato di alterazione psicofisica, verosimilmente per abuso di alcolici. Lo stesso aveva un alterco di tipo verbale con altro connazionale con in quale coabita, reo di non essere più intenzionato a dividere l’appartamento in cui domiciliano. Il C.D. alla vista dei Carabinieri , dopo essere entrato in casa per armarsi di un coltello da cucina, si dirigeva verso il connazionale minacciandolo di morte. I Carabinieri prontamente, dopo aver intimato di consegnare l’arma,  dato che tale invito non sortiva alcun effetto, poiché lo stesso con fare minaccioso indirizzava il coltello verso i militari facendo segno di aver intenzione di colpirli, decidevano d’intervenire, e con azione repentina riuscivano a bloccare e disarmare l’energumeno. A questo punto il reo opponeva resistenza cercando di sfuggire alla presa dei militari spintonandoli e sferrando calci e pugni. I Carabinieri riuscivano comunque ad ammanettarlo e metterlo in sicurezza. Sul posto nel frattempo sopraggiungeva altro personale dell’Arma e la volante del Commissariato di P.S. di Pisticci. Su disposizione del PM di turno della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Matera, Dott. Salvatore Colella, il reo veniva  arrestato per resistenza a Pubblico Ufficiale, e tradotto nel carcere di Matera.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*