Asm, nominato il direttore amministrativo

“Con la nomina del dott. Giordano a Direttore Amministrativo e la disponibilità del dott. Adduci di continuare a svolgere gratuitamente le funzioni di Direttore Sanitario il management Asm è al completo e potrà profondere ogni sforzo affinché l’azienda riacquisti nell’opinione pubblica la consapevolezza di un’istituzione che eroga servizi di elevato livello qualitativo”. Così il Commissario Asm Giuseppe Montagano dopo la sottoscrizione del contratto di incarico (foto) al sub commissario con funzioni di Direttore Amministrativo Asm, dott. Raffaele Giordano e la presa d’atto della continuità di funzioni del Direttore Sanitario, Domenico Adduci. “Entrambi -dichiara Montagano- rappresentano le scelte professionalmente migliori in questa fase di transizione, che impegnerà la direzione aziendale in mesi che si presentano difficili ed intensi, ma che produrranno l’inevitabile approdo di una meritata sintonia, sotto ogni profilo, tra un’azienda di qualità e l’intera comunità del Materano”.
Il Commissario Asm, dopo un avviso pubblico, ha conferito le funzioni di Direttore Amministrativo dell’Azienda al dott. Raffaele Giordano, già Direttore Amministrativo dell’Arpab, l’agenzia per l’ambiente della Regione Basilicata.
In piena sintonia e collaborazione istituzionale, Asm e Arpab hanno concordato che il Dott. Raffaele Giordano, avendo questi svolto presso l’Arpab le funzioni di Direttore Amministrativo fino a ieri, continuerà a svolgere temporaneamente a scavalco le stesse funzioni per alcuni giorni a settimana, sino alla nomina del nuovo Direttore Amministrativo e comunque non oltre fine settembre.
Il Dott. Raffaele Giordano, cinquant’anni, laureato in economia e commercio, vanta una lunghissima esperienza amministrativa con incarichi di vertice nel sistema degli enti sanitari regionali, oltre ad ver diretto per un periodo l’Ufficio risorse finanziare del dipartimento Salute Sicurezza e Solidarietà sociale della Regione Basilicata. Dal 2007 al 2013 ha collaborato con il Ministero della Salute.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*