CARABINIERI: DETENZIONE AI FINI DI SPACCIO E PORTO IN LUOGO PUBBLICO DI ARMI O OGGETTI ATTI AD OFFENDERE. 1 ARRESTO ED 1 DENUNCIA.

I Carabinieri della Compagnia di Venosa, nel corso di mirati servizi tesi al contrasto dei reati in materia di sostanze stupefacenti e di armi, hanno conseguito i seguenti risultati:

in Lavello (PZ), i Carabinieri della locale Stazione hanno tratto in arresto un ventiquattrenne di Melfi (PZ) con precedenti di polizia poiché ritenuto responsabile di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Lo stesso, controllato alla periferia di quel centro alla guida di un’autovettura e, sottoposto a perquisizione personale e veicolare, veniva trovato in possesso di 10 frammenti di hashish del peso complessivo di 17 grammi e di 3 involucri in cellophane contenenti complessivi 5 grammi di marijuana. Gli immediati e più approfonditi accertamenti nei confronti del giovane hanno permesso altresì di rinvenire, nel corso della perquisizione domiciliare, un coltello a serramanico con evidenti tracce di hashish. Lo stupefacente ed il coltello venivano pertanto sottoposti ad immediato sequestro penale mentre l’uomo, appurate le sue chiare responsabilità penali, veniva tratto in arresto e tradotto presso la propria abitazione in regime di detenzione domiciliare;

in Ripacandida (PZ), i Carabinieri della locale Stazione hanno segnalato alla Procura della Repubblica del capoluogo lucano un cinquantenne proveniente dalla limitrofa Rionero in Vulture (PZ), per porto abusivo di armi o oggetti atti ad offendere, ai sensi dell’articolo 4 della Legge 110/75. Lo stesso, controllato in quel centro e sottoposto a perquisizione personale, è stato trovato in possesso di un coltello a serramanico lungo 18 centimetri e con lama di 7 centimetri, immediatamente sottoposto a sequestro dagli operanti, in relazione al quale il cinquantenne non è stato in grado di giustificare il porto in luogo pubblico.   

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*