Summa su decreto dignità: “L’ennesima politica incentrata sulla precarietà e sullo sfruttamento”

“Altro che contrasto alla precarietà. Con l’ approvazione del decreto dignità il governo Di Maio –Salvini reintroduce i voucher che sono strumento antitetico rispetto ad ogni politica di qualificazione e dignità del lavoro .

Sotto il vessillo di un governo del cambiamento, si sta nei fatti costruendo un mercato del lavoro incentrato sulla precarietà e sullo sfruttamento.  I voucher sono la negazione di ogni forma contrattuale di riconoscimento di diritti e dignità  e rischiano di portare alla mera legalizzazione del lavoro nero.” a dichiaralo è Angelo Summa Segretario generale Cgil Basilicata.

“Pensare che la stretta sui contratti a tempo determinato possa essere esaustiva della lotta al precariato significa sottovalutare gli effetti dei nuovi voucher, reintrodotti, guarda caso , in settori a bassissima produttività che vivono risparmiando sul costo del lavoro.

Esiste un’ampia gamma – continua Summa –  di tipologie contrattuali con le quali far fronte alle medesime esigenze che si dice voler soddisfare con i voucher : l’apprendistato stagionale, il contratto a termine, il part-time, il lavoro extra e di surroga che rispondono a esigenze temporanee o eccezionali. Tutte forme legate a tabellari, per le quali è previsto il Tfr, la tredicesima, la quattordicesima, la malattia, le tutele in caso di infortunio.

La differenza con i voucher sta sostanzialmente in questo.”

“Ecco perché continueremo la nostra mobilitazione  contro i voucher e la nostra battaglia per costruire in questo paese  un mercato del lavoro fatto di diritti e buona occupazione.

Se la disoccupazione giovanile ha raggiunto il 50% , se la metà del milione e 833 mila residenti che ha  lasciato il Sud è rappresentata da giovani,  non si può certo pensare di restituire loro speranza, ma soprattutto occasioni per un futuro migliore facendo rivivere  vecchie forme di precarietà che sembravano essere  ormai archiviate, e che, insieme a bonus e  tirocini , costellano le politiche attive del lavoro nel nostro paese.

L’alternativa alla disoccupazione non può essere  la stabile precarietà.

Il lavoro deve ritornare ad essere strumento di emancipazione e libertà nel segno della nostra Costituzione, dalla quale, al di là di facili annunci e illusori  titoli di legge, bisogna ripartire per affermare un cambiamento  vero che vada nella direzione del miglioramento delle condizioni sociali dei lavoratori.”

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*