Monopoli: Arrestato pregiudicato brindisino.

Nel corso di un servizio mirato al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti nel comune di Monopoli, i Carabinieri della locale Compagnia hanno tratto in arresto, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, il 37enne , residente a Fasano, già gravato da numerosi precedenti penali in materia di stupefacenti. Il servizio è stato avviato dopo che erano giunte diverse segnalazioni al 112, soprattutto di mamme, le quali nell’accompagnare i figli in spiaggia, avevano notato un insolito via vai di persone sospette che si avvicinavano ad una hyundai bianca e poco dopo si allontanavano. Il brindisino infatti aveva deciso di spacciare lungo il litorale capitolino e, cosa ancor più singolare, nelle prime ore del mattino, verosimilmente al fine di mescolarsi fra le auto in coda che si dirigono verso la nota località balneare. Gli acquirenti si recavano dal giovane ., ben sapendo che era rimasto tra i pochi in zona a “trattare” eroina.  Quindi questa mattina, come di consueto, i militari hanno visto giungere l’autovettura bianca la quale, dopo aver fatto il giro di due lidi, si è fermata in posizione defilata. non c’è voluto molto perchè giungessero i primi acquirenti, desiderosi di procurarsi la dose giornaliera di eroina. tuttavia si sono dati a precipitosa fuga quando sono stati sorpresi alle spalle dai carabinieri, mentre lo spacciatore è stato bloccato prima ancora che potesse mettere in moto e scappare. all’interno del veicolo sono state trovate varie dosi di eroina per complessivi gr. 10. La perquisizione è stata estesa a casa dell’arrestato, dove sono stati trovati ulteriori gr. 8 di eroina, materiale vario per il confezionamento ed euro 250,00 quale provento di spaccio. Quanto rinvenuto e sottoposto a sequestro era stato sapientemente occultato all’interno di alcuni indumenti custoditi in un armadio. G.S. veniva pertanto tratto in arresto e condotto presso la propria abitazione in regime degli arresti domiciliari, a disposizione della procura della repubblica di bari.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*