Matera 2019/Confindustria, ancora una settimana per partecipare al bando destinato alle imprese italiane

C’è ancora una settimana a disposizione per le imprese italiane per partecipare al bando “Matera 2019: l’open future delle imprese italiane” lanciato da Confindustria e Fondazione Matera Basilicata 2019 e rivolto a 50 imprese che saranno protagoniste di Matera Capitale europea della Cultura 2019.

La promozione del bando è stata affidata a un roadshow nazionale che ha attraversato tutta Italia fra marzo e luglio, facendo tappa, dopo il lancio a Matera e Bari,  nelle città di Roma, Napoli, Milano, Ravenna, Mantova, Taranto e Torino, grazie alla collaborazione delle Associazioni del territorio nazionale e il supporto di Confindustria Basilicata.

Agli incontri hanno partecipato circa 200 aziende associate a Confindustria, dalle Pmi ai grandi nomi dell’impresa italiana, provenienti dai settori più disparati: editoria, agroalimentare, audiovisivo, moda, ristorazione, energia, logistica, comunicazione, informatica, meccatronica, immobiliare, nautica, marketing, formazione, turismo, sicurezza, agricoltura, meccanica, siderurgia, grafica, telecomunicazioni, sanità, sociale, edilizia.

Il progetto vuole valorizzare le imprese innovative che trovano nella cultura una fondamentale leva di competitività e favorire il dialogo tra cultura e impresa. Saranno selezionate quelle realtà che, in tutto il Paese, si contraddistinguono per una visione imprenditoriale innovativa in cui si combinano fattori economici, territoriali e culturali, nel segno dell’innovazione, della coesione e della competitività. Alle 50 realtà selezionate verrà offerta un’occasione di visibilità a Matera, per tutto il 2019, in cui potranno essere protagoniste, a rotazione settimanale, di uno spazio, appositamente riservato e offerto dalla Fondazione, in cui presentarsi e raccontarsi sia ai visitatori della manifestazione, sia ai media, sia agli operatori culturali, provenienti da tutto il mondo per l’occasione.

I candidati dovranno far pervenire le proposte a Confindustria entro il 30 luglio 2018. Tutte le informazioni sul bando sono disponibili nella sezione “Impresa e Cultura” del sito Confindustria.

Il presidente del Gruppo tecnico Cultura di Confindustria, Renzo Iorio spiega: “Essere al centro di una vetrina internazionale unica e straordinaria. Essere protagonisti del dibattito culturale del Paese. Contribuire alla costruzione di un “open future”. Tutto questo sarà Matera Capitale Europea della Cultura 2019, alla quale abbiamo voluto dedicare un progetto specifico per le imprese di Confindustria. Attraverso la partecipazione al Bando, le imprese  potranno confermare quanto la cultura e la creatività, insieme alla capacità di innovazione, siano leve di crescita e di sviluppo.  Il sistema imprenditoriale ha risposto con entusiasmo al progetto: ora non resta che darci appuntamento con le 50 imprese vincitrici a Matera nel 2019”.

“Il successo ottenuto dal bando “Matera 2019: l’open future delle imprese italiane” nei vari incontri organizzati da Confindustria in tutta Italia dimostra la grande attenzione che il mondo delle imprese italiane rivolge a Matera 2019 – sottolinea il direttore della Fondazione Matera Basilicata 2019, Paolo Verri – Siamo certi che questo interesse si trasformerà in numerose opportunità di crescita economica sia per le imprese che per il territorio”.

I nomi delle 50 aziende vincitrici della selezione verranno ufficializzati a Matera, il prossimo 19 novembre 2018, all’interno della Settimana della Cultura d’impresa, la manifestazione a carattere nazionale promossa da Confindustria, in collaborazione con Museimpresa, giunta alla XVII edizione e che quest’anno verrà ospitata proprio nella Città dei Sassi, a coronamento del progetto  lanciato lo scorso 23 marzo.

“La scelta di tenere a Matera questo importante appuntamento nazionale di Confindustria, il prossimo 19 novembre – conclude  il presidente di Confindustria Basilicata, Pasquale Lorusso – testimonia, ancora una volta, il grande contributo che Confindustria, anche grazie alla preziosa collaborazione con la Fondazione Matera 2019, sta portando avanti per la Capitale europea della Cultura”.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*