I Terraròss a Rivello per il Lacania Food Art Festival

Dopo aver suonato nel Boulevard de la Croisette, il viale che si estende lungo la costa che bagna la città francese di Cannes, per la 71^ edizione del Festival del cinema, sabato 28 luglio i Terraròss, suonatori e menestrelli della bassa Murgia, si esibiranno nel Convento di Sant’Antonio a Rivello (Pz) per il “Lucania Food Art Festival”, promosso dal Med, la prima Casa internazionale sulla dieta mediterranea che mescola sapori, arte, tecnologia, ricerca, formazione e intrattenimento.

Dominique Antonacci, Giuseppe De Santo, Annarita Di Leo, Vito Gentile, Antonio De Santo, Carlo Porfido, Nico Vignola, Stefano Pepe e le ballerine Caterina Totaro, Miriana Gentile e Ornella Cavallo, proporranno il loro caratteristico e frizzante show a base di pizzica, tarantella e tammuriata, all’interno della manifestazione “Pugliamia – musica e sapori della nostra terra”, durante la quale oltre alla musica del noto gruppo musicale, saranno proposte alcune specialità culinarie della Puglia.

Il nostro spettacolo – ha spiegato il cantante Dominique – coinvolge molto il pubblico facendolo diventare parte integrante. In tal modo abbattiamo letteralmente la quarta parete e lo facciamo con la musica, la semplicità, la genuinità, la teatralità, la simpatia, e la travolgente forza che ci contraddistinguono. È questa la nostra originalità, noi vogliamo divertirci con il nostro pubblico, in modo che ogni serata sia indimenticabile per loro e anche per noi”.


Durante l’esibizione, che avrà inizio alle 22 circa, saranno proposti sia i brani più apprezzati dei Terraròss come “Apulia”, “Ze Vecinze”, “All’alì” e altre ancora che le canzoni della tradizione popolare meridionale, riproposte con la simpatia e l’ilarità che contraddistingue il gruppo. Alla musica, inoltre si aggiungeranno sketch e gags proposte per coinvolgere i presenti.

Nella nostra discografia ci sono canzoni che appartengono alla tradizione meridionale e altre autografe in chiave popolare. Cioè quello che scriviamo ha sempre come riferimento questo genere, come se fossero proprio dei brani della tradizione. Cantiamo di amore, di eventi lieti e delusioni, di rivalsa sociale, di denuncia nei confronti dei padroni, ecc”.

 

Convento di Sant’Antonio – Via Monastero, 48 – Rivello (Pz)

Info: www.terraross.it

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*