Bentivogli (Fim Cisl): “Con Marchionne abbiamo sfidato l’Italietta della rendita e dei ricatti, un paese in cui è un reato avere coraggio e visione”

Copyright "La Stampa"

Roma, 22 luglio 2018 – “La notizia è terribile. Su alcune cose vi erano divergenze come tra chi crede nelle sue posizioni in modo non banale, ma insieme abbiamo sfidato l’Italietta pigra che preferisce chiudere le fabbriche piuttosto che rimboccarsi le maniche”. È quanto ha dichiarato ieri sera il leader della Fim Cisl, Marco Bentivogli.

“Il settore automotive – ha aggiunto il sindacalista – è quello in cui sono difesi meglio posti di lavoro e salari. I nostri accordi hanno sgretolato i due falsi miti ovvero che per mantenere le industrie nelle economi mature bisogna ridurre i salari e deteriorare le condizioni di lavoro”.

“Con Marchionne abbiamo sfidato con coraggio il declino della rappresentanza, delle relazioni industriali e soprattutto del fare impresa senza accettare i ricatti dell’italietta della rendita. Quella che scrive ora coccodrilli ipocriti dopo aver demonizzato l’ad di Fca per anni stimolando il peggior squadrismo sindacale e politico; quella che avrebbe preferito le fabbriche chiuse nell’ennesima eroica sconfitta dei lavoratori e delle imprese. Marchionne ha salvato con noi la Fiat e tutto il settore”, ha concluso Bentivogli.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*