Palazzo Italia Bucarest: Si estende Rete “DESK” Comuni Provincia di Potenza

Insieme all sindaco di Acerenza, Fernando Scattone, anche il sindaco di Sant’Angelo Le Fratte, Michele Laurino, ha deciso, attraverso una delibera di Giunta Comunale, di istituire a “Palazzo Italia” Bucarest, incubatore di imprese, un “desk” di promozione che adesso si occuperà di questi due borghi della provincia di Potenza. E’ quanto riferisce Giovanni Baldantoni, presidente Palazzo Italia, sottolineando la condivisione da parte degli amministratori comunali di Acerenza e Sant’Angelo dell’iniziativa proposta e annunciando che ci sono già contatti con altri sindaci per estendere la rete del “desk”.

Si aprono adesso i mercati dell’Est Europa e dei Balcani – commenta Baldantoni – non solo per favorire l’arrivo di visitatori ma anche per nuove opportunità per le attività produttive, specialmente del settore alimentare e della piccola e media impresa. Palazzo Italia Bucarest, offrendo un’assistenza globale all’internazionalizzazione, servizi commerciali e logistici – aggiunge – è l’incubatore più efficiente a supporto delle attività imprenditoriali sociali, culturali, ricreative a servizio delle aziende italiane in Europa, a partire dai Balcani a sostegno del Made in Italy e nello specifico di tutto ciò che è prodotto in Basilicata. Rientrano nei nostri programmi i gemellaggi con istituzioni pubbliche e private come abbiamo già fatto ad Acerenza in occasione del motoraduno dei centauri della Polizia di Stato. Abbiamo creduto e continuiamo a credere nella promozione culturale, storica, economica, turistica dei nostri borghi. E per questo – aggiunge – in attesa che la Fondazione Matera 2019 accolga la nostra proposta, procediamo secondo ogni specificità e caratteristica comunale sia di attrazione turistica che di prodotti alimentari locali, tipici e di qualità.

Il nostro auspicio – dice ancora il Presidente di Palazzo Italia – è che l’istituenda Camera unica di Commercio della Basilicata, con l’accorpamento di Potenza e di Matera, possa rappresentare un’antenna di collegamento con la nostra attività e quella dei Comuni per potenziare l’iniziativa di internazionalizzazione delle nostre imprese.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*