Distefano (VICE Pres. Naz. Anbi): Direttiva acque, predisporre sistema accumulo

“Il pieno e veloce utilizzo dei finanziamenti per opere irrigue consentirebbe di disporre delle risorse idriche fondamentali per una agricoltura competitiva e di contrastare gli effetti dei cambiamenti climatici in atto attraverso un rapido ammodernamento degli impianti irrigui collettivi, con il duplice obiettivo di preservare la risorsa e razionalizzarne l’uso. Il mancato o parziale utilizzo di tali finanziamenti, al contrario, arrecherebbe oltre che il danno, la beffa della restituzione dei fondi già erogati, dei contenziosi con le imprese e delle inevitabili sanzioni comunitarie. E’ il “messaggio” lanciato dall’Associazione Nazionale dei Consorzi di Gestione e Tutela del Territorio e delle Acque Irrigue (ANBI) in occasione dell’annuale workshop, dedicato quest’anno alla necessità di riformare la Direttiva Quadro Acque in discussione a Bruxelles e al quale ha partecipato Donato Distefano, vice presidente nazionale ANBI.”

“Attualmente, per  infrastrutture sul territorio, ci sono a disposizione 1.300.000 euro, a fronte dei quali i Consorzi di bonifica hanno presentato un parco progetti dal valore doppio.

Nella discussione sulla revisione della Direttiva Acque – ha detto Distefano – occorre far passare il concetto dell’importanza degli impatti dei cambiamenti climatici sullo stato delle acque e nel raggiungimento degli obiettivi di qualità. Serve più collaborazione a livello nazionale e con gli altri Paesi, guardare agli impieghi delle nuove tecnologie e favorire l’adattamento nella Pac, un tema ora presente ma senza misure concrete. “

“Tre le questioni prioritarie indicate dal vicepresidente nazionale ANBI: chiudere rapidamente istruttoria per i progetti presentati al MiPaf a valere sul piano irriguo nazionale nel quale ci sono anche quelli della Basilicata;  aprire un serrato, deciso e conclusivo confronto con i Ministeri competenti sul tema dei costi e dell’uso sostenibile della risorsa idrica per uso irriguo nel nostro Paese;  dar seguito al piano nazionale invasi (previsti 2000 piccoli e medi invasi) partendo dall’utilizzo delle risorse contenute nella Legge Obiettivo in ragione dei cambiamenti climatici.

Gli obiettivi da raggiungere – ha sottolineato Distefano – sono principalmente: trattenere e invasare quanta più acqua possibile mitigando il fenomeno di eventi estremi sempre più frequenti e utilizzandola quando serve e in caso di bisogni programmati e mirati;  un sistema di accumulo al servizio e da integrazione  agli invasi maggiori esistenti in grado di garantire una reale gestione e governo della risorsa  utilizzandola e distribuendola all’occorrenza in modo razionale  efficace e sostenibile; governare e gestire i volumi idrici nel rispetto delle disposizioni vigenti  in particolare sul versante ambientali a partire dai deflussi oltre che per le attività di laminazione elementi centrali e decisivi per la corretta e efficace gestione delle risorse invasate.”

“Non ci piace l’Europa, che divide invece di unire; non ci piace, ad esempio, l’Europa, che – ha ribadito Francesco Vincenzi, presidente dell’Associazione – contrasta i diritti informativi dei consumatori o che, sull’irrigazione, privilegia l’impostazione dei Paesi del Nord, favoriti dal clima continentale, a discapito delle esigenze delle agricolture mediterranee, per le quali l’acqua è un determinante fattore competitivo”.

“In Europa -ha ricordato il ministro delle Politiche agricole, alimentari e forestali e al Turismo, Gian Marco Centinaio- bisogna tenere il punto, perché l’agricoltura italiana è sotto attacco; dobbiamo difenderci e contrattaccare, perché non possiamo rinunciare alle risorse della Pac. Pieno appoggio ad ogni iniziativa, come il Piano Nazionale Invasi, indirizzato ad aumentare la disponibilità idrica del Paese”.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*