Venosa: Un arresto per rapina e due denunce

Prosegue, senza soluzione di continuità, l’intensa e proficua attività di prevenzione e repressione posta in essere dai Carabinieri della Compagnia di Venosa (PZ), che hanno messo a segno ulteriori positivi risultati nella lotta ai reati di maggiore allarme sociale.

I militari della dipendente Stazione Carabinieri di Banzi (PZ) infatti, nel corso della mattinata di ieri, hanno arrestato un pregiudicato 45enne del posto in esecuzione di un ordine di carcerazione, emesso il 3 luglio scorso dall’Ufficio Esecuzioni Penali della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Trani e scaturito dalla condanna definitiva dell’uomo per il reato di rapina. Infatti il 5 novembre 2016 il 45enne, introdottosi all’interno di un supermercato sito nel Comune di Spinazzola (BT), dopo aver minacciato verbalmente la cassiera si appropriava del denaro contante custodito all’interno del registratore di cassa, dandosi poi a precipitosa fuga facendo perdere le sue tracce. Già all’epoca dei fatti, grazie al tempestivo intervento dei militari dell’Arma competente per territorio, l’autore della rapina era stato tratto in arresto nella quasi flagranza del reato. Nella mattinata di ieri, infine, l’uomo veniva rintracciato presso la propria abitazione di Banzi, dove si trovava già agli arresti domiciliari per altra causa e, previa notifica del provvedimento emesso a suo carico dall’Autorità Giudiziaria di Trani, veniva tratto in arresto e tradotto presso la casa circondariale di Potenza, per ivi espiare la pena residua di anni 3 e mesi 2 di reclusione.

In Lavello (PZ), inoltre, i militari della locale Stazione Carabinieri hanno proceduto al controllo di un 40enne censurato di Rapolla (PZ), che transitava alla guida della propria autovettura, sottoponendolo a perquisizione personale e veicolare d’iniziativa, trovandolo nella circostanza in possesso di un coltello a serramanico lungo 22 centimetri, di cui lo stesso non giustificava il porto. L’uomo veniva quindi denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Potenza, per porto illecito di armi o oggetti atti ad offendere.

In Ripacandida (PZ), infine, i militari della locale Stazione Carabinieri hanno proceduto al controllo di un 21enne censurato di Rionero in Vulture (PZ), mentre era alla guida della propria autovettura. Lo stesso, nell’occasione, veniva sottoposto a perquisizione personale e veicolare d’iniziativa, venendo trovato in possesso di un coltello a serramanico lungo 27 centimetri, portato senza giustificato motivo. Alla luce di ciò, pertanto, il giovane veniva denunciato in stato di libertà alla competente Autorità Giudiziaria del capoluogo lucano, poiché ritenuto responsabile del reato di porto illecito di armi o oggetti atti ad offendere.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*